giovedì 20 gennaio 2011

Ho finito il mio primo romanzo!

Andando dai miei a pranzo mi sono guardata nello specchietto retrovisore e mi ha fatto orrore ciò che ho visto: sopracciglia praticamente unite, pelle come se avessi vissuto in un bunker lontana dalla luce solare negli ultimi mesi, herpes incipiente, un brufolo di fianco al mento che sembra mi stia spuntando un baffo da pesce gatto e calze smagliate fin dalle nove e trenta del mattino (per fortuna solo color carne, altrimenti sarei stata molto emo per tutta la giornata). Ossiggnoreggesù: mi sto decomponendo da viva? Ah, no, sono solo stata sotto pressione per qualche questione di lavoro e perchè...


E' normale che mi sia lasciata un po' andare, non vi pare? Non ho certo avuto il tempo di passare la pinzetta per le ciglia e di farmi una maschera agli ioni attivi di frutta ogni sera. Ogni sera io "dovevo produrre"!
Che soddisfazione, gente. Sì, lo so che fino ad ora solo io so cosa c'è scritto, ma sono contenta di me stessa.
Ci ho impiegato meno del previsto perchè sono stata supportata da ottime letture. In un certo senso siamo quello che leggiamo: davvero ho pensato di poter scrivere qualcosa di brillante, un paio di mesi fa, nello stesso periodo in cui stavo leggendo "l'ipnotista" di Lars Kepler, un giallo pizzosissimo nel quale i personaggi hanno nomi di mobili Ikea? Fortunatamente Lars Kepler ha lasciato il posto a Jenny Colgan e al suo fantastico "apro gli occhi e ti penso", poi ad Holly McBeal con "la fantastica doppia vita di Isabel Bookbinder" ed infine a Karen Templeton con lo straordinario "che casino, la mia vita!" (solo lei può usare parole dimenticate come "transeunte" e "magniloquente" in uno scritto così ironico) ed ora eccomi qui, donna distrutta ma raggiante, proprietaria di un romanzo tutto nuovo.
La mia top five delle priorità ora prevede:

1) Pinzetta per le ciglia.
2) Maschera al cetriolo.
3) Un paio di calze nuove e non smagliate.
4) Una stampante da utilizzare per quella che ho iniziato a chiamare "la copia zero".
5) Qualcuno che mi spieghi perchè mai dovrei pagare 130 euro alla SIAE per depositare l'opera inedita (26 euro annui per tenere una busta chiusa su di uno scaffale) quando posso utilizzare una semplice raccomandata e spedirmi la copia zero a casa (grazie Elisa!), dove lo scaffale non mi costa nulla: dove sta la fregatura?

Ah già, magari potrei far leggere il mio romanzo a qualcuno, se proprio me ne avanzasse il tempo. E magari potrei anche smaltire i mesi trascorsi davanti al pc con un po' di esercizio fisico, così da entrare in una quaranta giusto in tempo per la presentazione del mio nuovo romanzo (cribbio, quanto mi piace poterlo dire!). Anche se mi sa che la mossa più probabile sarà delegare al mio "agente" la questione della pubblicazione e mettermi di nuovo di fronte al pc a lavorare al secondo volume della serie. Perchè ve l'avevo detto che si tratterà di una serie, vero?
Allora: tutto ciò che mi serve per ricominciare è un taccuino veramente, ma veramente sfizioso da tenere in borsetta.

La Redazione

9 commenti:

  1. Cavoli! Più passo da queste parti e più la curiosità aumenta... veramente... sarò in prima linea non appena il tuo primissimo romanzo sarà acquistabile... non vedo l'ora! Sono felice anche di esserti potuta essere d'aiuto... se c'è la fregatura o meno, io non saprei dirtelo con assoluta certezza... so solo che... prima di abbandonare del tutto l'idea della Siae, sono stata a parlare con l'ufficio di zona (strano ma vero, ce n'è uno...) con l'ufficio postale (che mi ha assicurato che quella della raccomandata per il documento timbrato da loro non è una prassi tanto per, ma utilizzatissima da ogni sorta di professionista, ogniqualvolta serva la data certa... perché, è solo di questo che si tratta... di dimostrare che in quella tale data tu eri in possesso del tuo lavoro) e con un avvocato amico di mia zia che se ne intende. Lo scaffale di casa, va benissimo...
    Certo è che... forse - in caso remoto di contenzioso - la Siae potrebbe mettere a tua disposizione uno "Staff tutela"... o forse no... per come l'hanno spiegata a me... e come tu stessa hai detto, si trattava solo di chiedere un sacco di soldi, per mettere a disposizione uno scaffale.
    Per quel che riguarda tutto il resto... ma, sì! Fossi in te, anche io delegherei l'"agente" e mi rimetterei subito al lavoro. Te l'ho già detto che non vedo l'ora di leggerti? Ed... una serie è sicuramente più allettante di un libro unico (anche se stupendo)... spero arriverai presto a tenermi compagnia con le tue storie. Per il momento, ti saluto e ti auguro buona giornata. A presto!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie infinite Elisa, veramente.
    Non occorrerà che aspetti che il tutto diventi pubblicabile: non appena troverò il modo di far uscire il manoscritto dalla penna ubs te ne farò avere una copia, promesso!
    Da quello che ho capito la SIAE ti tutela nel caso tu ti iscriva come autore e non nel caso tu voglia semplicemente depositare un'opera inedita. Da quello che ho capito i due servizi sono slegati tra loro e hanno, chiaramente, due quote di iscrizione differenti, che sommate... fanno una discreta cifra.
    A prestissimo e in bocca al lupo anche a te per le tue millemila attività creative!

    RispondiElimina
  3. wow cava!!!! complimenti!!!!!! non vedo l'ora di leggerlo ^^

    RispondiElimina
  4. Sicuramente tu sarai tra le prime persone a leggerlo! Grazie cava!

    RispondiElimina
  5. Che bello! Aspetto che dalla tua penna usb si sdogani il tutto... allora! Sì, credo che l'intero ragionamento sulla Siae sia corretto. Un abbraccio e buona domenica! A presto!!!
    PS: a questo punto, mi pare più che opportuno confessare che... morirei dalla voglia di farti leggere qualcosa di mio... magari anche sul blog, conto di pubblicare prossimamente qualcosa di breve... così, per un primissimo parere veloce! A presto.

    RispondiElimina
  6. Eli, sarei felicissima e onorata di leggere qualcosa di tuo. Credo sia importante mantenere dei legami, tenersi aggiornati grazie a belle persone che scrivono cose interessanti.
    Quando vuoi sono disponibile!
    A prestissimo

    RispondiElimina
  7. Ehhhh! Complimentiiiiii, che bello! Io lo voglio comprare il tuo romanzo!!!

    RispondiElimina
  8. Birretta, l'avrai! Non posso deludere queste aspettative...
    Non vedo l'ora di annunciarne la pubblicazione!

    RispondiElimina
  9. Wow! Ho letto sulla home che hai pubblicato e sono tornata "indietro nel tempo" per leggere tutto quello che mi sono persa, sapendo del lieto fine. =) Congratulazioni!

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...