martedì 29 marzo 2011

Cosa fare di un ex anello di ex fidanzamento?


Non che quell'anello se ne stia sotto le assi del pavimento ad infliggermi tormenti psicologici come un cuore rivelatore di Poe, ma sinceramente: che me lo tengo a fare?
Sono passati anni e anni, perdiana, e non mi sembra giusto continuare a tenerlo (visto che il legittimo proprietario non lo ha reclamato a suo tempo ed io me ne guardo bene dal risvegliare il can che dorme) per una serie di motivi:
a) Tenerlo potrebbe significare, ad occhi inesperti, che io mantenga un qualche legame affettivo con quell'oggetto, cosa che non è.
b) In ogni caso non lo metterei mai semplicemente perchè non mi va di metterlo.
c) L'anello non servirà nemmeno quando sarò vecchia e ripercorrerò, con dei nipotini straziati dai miei racconti pizzosi, il viale dei ricordi.
d) Non mi va di tenere o mettere quell'anello. Punto.
e) E' inutile tenere in casa qualcosa che non serve, non viene utilizzato e rimane in un cassetto a prendere polvere.
Quindi, che fare?
Anche se è crudele e probabilmente anche da stronza patentata dirlo, non sento alcun legame con quell'oggetto e con chi me lo regalò, tuttavia... Tuttavia, di solito, le persone normali che per motivi "X" non si restituiscono un anello, che cavolo se ne fanno?

Restituirlo è fuori discussione. Non parlo con colui che me lo regalò da oltre cinque anni e non ho intenzione di ricominciare a farlo. So di ragazze che hanno ottimi rapporti con gli ex e che ci vanno pure a prendere l'aperitivo. Ecco: io non sono una di quelle ragazze.

Venderlo? Ci sto pensando seriamente.
Però se lo vendo deve essere per una giusta causa. O no? Cioè, voglio dire, comunque per un periodo quell'anello è stato importante, per cui mi sentirei veramente ma veramente stronza ad entrare nel primo negozio che acquista oro usato e venderlo per un paio di sandaletti nuovi. Oppure si può fare? O meglio: sarei una persona poi così orribile se lo facessi?
Mi passa anche per la testa l'idea di venderlo, ma per una giusta causa, per compiere un gesto nobile. D'accordo, ma quale? Quell'anello non vale abbastanza per adottare un bambino a distanza e non so davvero quale giusta causa potrei sposare.

Beneficenza? A nessuno, nel momento del bisogno, serve un anello.

Semplicemente potrei buttarlo nel fiume, ma non so perchè non mi va di farlo. E non mi riferisco al valore commerciale dell'oggetto.

Mi sento in una situazione complicata, nella quale qualsiasi cosa facessi sarebbe sia giusta che sbagliata al tempo stesso. Non giusta o sbagliata nei confronti di una persona terza, ma giusta e sbagliata nei confronti miei e di ciò che un tempo ero, anche se ora come ora mi pare di aver vissuto una vita parallela, come un film.
Forse dovrei solo prendere atto di questo e, dal momento che qualsiasi cosa io faccia di questo anello sarebbe anche sbagliata, fare semplicemente la scelta più comoda, ovvero entrare nel primo negozio che acquista oro usato ed investire il ricavato in qualsiasi altra cosa, magari utilizzarlo per pagare una bolletta, senza tante paranoie inutili.
Si accettano idee.

La Redazione

15 commenti:

  1. Innazitutto complimenti per il tuo blog, vivace, allegro ed è molto paicevole il tuo modo di scrivere.
    Per rispondere al tuo post: l'ultimo mio ex (una storia di tre anni) mi regalò un anellino da 15 euro, non fraintendermi non è il valore economico che conta, assolutamente, anzi l'anello ha il valore per quello che rappresenta e a me sarebbe andato benissimo anche un pezzo di plastica. Il punto è che avevo insistito così tanto per averlo (chissà poi perchè) che oggi non ci vedo neanche la spontaneità in quel regalo. Eppure è lì. Tu mi dirai: non te lo puoi certamente vendere. E' vero, non potrei. Ma non lo farei neanche se potessi, perchè quell'anello ha fatto parte di un periodo importante della mia vita, ha rappresentato qualcosa che ero, qualcosa che ora non c'è più, ha una storia insomma. E se è vero che non servono gli oggetti a dirti chi sei e chi sei stata, guardarli te lo può fare ricordare. La domanda è: Tu vuoi ricordare?
    Se sai la risposta sai cosa fare dell'anello.
    Ancora complimenti per il blog, lo seguirò.
    Un abbraccio a presto
    Valentina

    RispondiElimina
  2. L'unico ex anello di fidanzamento cheho avuto è stato quello del morosetto delle medie, valore commerciale 2 euro...l'ho tenuto e ti dirò che quando mi capita per le mani mi vien da sorridere..mi rendo conto che la storia qui è diversa!
    Se proprio non vuoi averlo in giro per casa allora vendilo e comprati qualcosa che ti piace, togliti uno sfizio oppure come dicevi tu dai quei soldi in beneficenza....

    RispondiElimina
  3. @ Valentina:
    Prima di tutto: benvenuta! E subito dopo: grazie per le tue parole. Sinceramente non l'avevo ancora pensata da questo punto, cioè, non mi ero ancora posta la domanda se voglio o non voglio ricordare.
    Ci sono cose che voglio ricordare e cose che non voglio ricordare. E' abbastanza complesso..
    Nel mentre della decisione, esprimo tutta la mia tenerezza per il tuo ex e per la dolcezza del gesto di regalarti quell'anello :-)

    @ Daniela: recenti sviluppi, anzichè aiutarmi a decidere, mi hanno fatta riflettere acora di più. Non so più se sto riflettendo troppo o se fino ad adesso io abbia riflettuto troppo poco... Paranoie? Sì, sono io.
    Baci Dani e a prestissimo

    RispondiElimina
  4. Io lo venderei e userei il ricavato per qualcosa che mi fa felice oggi, secondo me è un buon modo per riscattare un oggetto che potrebbe magari essere anche il simbolo di sofferenze passate.

    RispondiElimina
  5. Sai, ci ho pensato e sono giunta anch'io a questa conclusione. Non l'ho ancora venduto, ma lo farò in settimana e penso che lo trasformerò in shopping sfrenato a Londra il mese prossimo! Yeeeee!!!!

    RispondiElimina
  6. Hahahaha grande lo shopping sfrenato!!! Mi sembra giusto!

    RispondiElimina
  7. Ti farò sapere con quante valigie tornerò a casa!

    RispondiElimina
  8. Sì, sì ti devi comprare qualcosa di memorabile! :)

    RispondiElimina
  9. Mi piace un sacco l'idea di comprare qualcosa di "memorabile"!

    RispondiElimina
  10. Eh sì, deve rimanere nella storia quello che ti sei comprata con l'anello del tuo ex! ;)

    RispondiElimina
  11. Rilancio la sfida...

    Che me ne faccio di un vestito da sposa, comprato per la mia dolce metà, adesso che il matrimonio è andato a vacche? :)

    RispondiElimina
  12. Azz, Johnny... Come mai il vestito da sposa l'avevi preso tu?
    Beh, ciò che più conta è decidere che farne adesso, giusto? Mica te lo puoi tenere a casa, col rischio che qualcuna, mettendo un vestito nell'armadio, lo trovi...
    Io direi di venderlo su Ebay ad un prezzaccio: una ragazza che desidera molto sposarsi, ma che non si può permettere un vestito nuovo ne sarebbe felicissima!
    Che ne dici?

    RispondiElimina
  13. @Johnny: complimenti per il tuo blog! Veramente carino!

    RispondiElimina
  14. @Redazione Grazie per i complimenti, molto divertente anche il tuo :)

    Cmq si sto pensando di venderlo o su ebay o con un annuncio su un giornale locale... Qualcuna che vuole sposarsi low cost la troverò ;)

    RispondiElimina
  15. Sono sicura che farai molto felice una ragazza!
    Ho sentito cifre spaventose per un matrimonio! Una mia collega ha speso qualcosa come trentamila euro! Ma siamo pazzi?
    Almeno ci sarà una ragazza che avrà un bellissimo vestito senza spendere una fortuna. E’ un bellissimo gesto il tuo, secondo me.

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...