giovedì 3 marzo 2011

Monsignor Arduino Bertoldo: un Monsignore d'altri tempi (purtroppo)

Se una donna cammina in modo sensuale o provocatorio, qualche responsabilità nell'evento ce l'ha perché anche indurre in tentazione é peccato. Dunque una donna che camminando in modo procace suscita reazioni eccessive o violente, pecca in tentazione.

Mi secca tornare all'età della pietra dei ragionamenti sulle donne e parlare pertanto di aria fritta, ma è possibile che ci sia ancora qualche dinosauro che la pensa in questo modo?
In questo caso, il dinosauro si chiama Monsignor Arduino Bertoldo ed è vescovo di Foligno.

Caro Signor Vescovo,
se lasciasse la sua auto parcheggiata, aperta, con le chiavi inserite nel quadro, un eventuale passante sarebbe autorizzato a prenderla?
Se uscendo di casa dimenticasse di chiudere la porta d'ingresso, qualcuno sarebbe scusato se le svuotasse l'appartamento?
Se perdesse il portafogli per strada, sarebbe "normale" che un passante intascasse il denaro?
Se un bambino di due anni corresse nudo sulla spiaggia, si sentirebbe giustificato a molestarlo? Visto che lei è di Foligno, proprio il paese del "mostro", consiglia di indagare sulle abitudini delle vittime in fatto di abbigliamento e di vedere se sia il caso di concedere qualche attenuante al Sig. Chiatti?
Se un ragazzo (leggi: uomo) camminasse per strada vestito in modo castissimo, senza ancheggiare, ma con una faccia da schiaffi incredibile, sarebbe scusato chi iniziasse ad insultarlo al solo vederlo passare?

Se un terremoto sconvolgesse la sua zona, secondo lei chi si permettesse di rubare tra le macerie della sua abitazione sarebbe da considerare uno sciacallo oppure no? Oppure ancora "sciacallo a metà", visto che anche a lei spetterebbe la responsabilità di aver lasciato le macerie accessibili a chiunque?
Se invece di parlare genericamente di "donne" scendessimo nel caso concreto, lei avrebbe il coraggio di guardare in faccia i genitori delle ragazze che vengono violentate, picchiate e magari uccise per dire loro che le figlie, in qualche modo, se la sono cercata e che i loro stupratori/assassini in fin dei conti sono fatti di carne (debole) e pertanto hanno diritto ad una specie di concorso di colpa? Che se quelle ragazze avessero indossato una gonna solo qualche centimetro più lunga sarebbero potute essere ancora qui, integre e vegete?
Ci sono stati dei momenti bui nella storia dell'umanità nei quali si pensava che le donne potessero uccidere le piante solo toccandole durante "quei giorni". Scommetto che è stato coniato proprio in quei tempi disgraziati il detto "l'occasione rende l'uomo ladro". Non a caso si parla di "uomo", dal momento che la donna all'epoca non aveva nemmeno un'anima (le è stata concessa più tardi, con tutta probabilità da un maschio). In tempi più recenti è stato coniato invece il detto "conta fino a dieci prima di parlare", ad oggi in vigore.
Come canta Creminini, "le parole fanno male": possono ferire, fanno stare male, possono mandare messaggi sbagliati, possono giustificare fatti che non hanno giustificazioni ma solo colpe, possono far sentire qualcuno "un po' meno in colpa" nel compiere azioni che vanno ben oltre l'essere umano.
A proposito di colpe, lei non si sentirebbe almeno un po’ responsabile di uno stupro se di fronte ad un giudice lo stupratore si giustificasse dicendo “non è tutta colpa mia: quella aveva una gonna così corta che pareva una cintura. Lo dice anche Monsignor Bertoldo che quando una va in giro conciata così è un concorso di colpa!”.
Non sono una postfemminista incazzosa con gli ormoni che girano come pale di elicottero, sono una donna delusa. Delusa perchè dire che le donne che si vestono in maniera provocante vittime di stupri/violenze/percosse/omicidi in qualche modo se la sono cercata è come reinserire nel diritto di famiglia l’autorizzazione per il marito a picchiare la moglie, come negarci di nuovo il diritto di voto, il diritto ad un'anima, la parità di opportunità con gli uomini, a loro volta relegati al ruolo di bestie stupide, completamente governate da un istinto brutale, distruttivo e violento. Delusa perchè affermare questo è come dire che è impossibile evitare gli stupri (e quindi tanto vale non provarci nemmeno, ndr) perchè sarebbe necessario “un militare per ogni bella donna”.
Dalle mie parti amiamo pensare che il genere umano meriti più stima e che il mondo tendenzialmente vada avanti, non che torni indietro a discutere questioni già trite e ritrite e posizioni grazie al cielo superate.

La Redazione

4 commenti:

  1. Post interessante, su cui vale la pena riflettere. Per me nel caso della donna-posta-in-atteggiamenti-provocatori la ragione non ce l\'ha nessuno! Un po' è colpa di lei, un po' di lui che le è 'andato dietro', non so se mi intendi! Per quanto riguarda la posta aperta, le chiavi della macchina nel cruscotto, hai pienamente ragione !

    passa qui se ti va:
    http://folliedimakeup.blogspot.com/2011/03/tres-vichy-mufe.html

    xxx

    RispondiElimina
  2. Una sera alla settimana vado a ballare country e ci sono dei gran bei pezzi di cowboy che ballano con dei jeans attillati al limite della sterilità e dei muscoli che... beh, ci siamo capite. Mentre ballano lo fanno in maniera sensualissima ed è chiaro che si muovono così per farsi guardare: perchè nessuna donna si sente autorizzata a mettere le mani su quel ben di dio?
    In ogni caso grazie mille Lolly per il tuo prezioso commento che da voce al pensiero di tantissime persone. In effetti quello che volevo fare con questo post era creare una discussione su un tema che secondo me fa ancora discutere (basta guardare lo spazio che ha avuto oggi su Google News).
    Complimenti per il tuo blog. Sono passata a vederlo e trovo che l'idea di scrivere i post anche in inglese sia fantastica!
    A presto

    RispondiElimina
  3. Per me hai ragione da vendere al 100%! Io la penso esattamente come te. Non esiste motivo o misera giustificazione per la violenza. Mi viene in mente questo esempio: se un uomo fa un incidente perché un altro gli taglia la strada, questo scende per dirgliene 4 (quante volte assitiamo a queste scene), l'altro sarebbe autorizzato ad ammazzarlo? Del resto chi gli ha detto di scendere dalla macchina per discutere? Potremmo dire che se l'è cercata e dare all'assassino delle attenuanti? Io credo di no!
    Il problema è che viviamo in una società ancora profondamente maschilista, quindi è più facile dare sempre e comunque alla donna il ruolo della "mignotta" (scusa il francesismo)!

    RispondiElimina
  4. Si, penso anch'io che sia maschilismo. Ci sono regole che valgono solo per le donne, ci sono giustificazioni che valgono solo quando ci sono di mezzo le donne.
    E purtroppo ci sono donne che non fanno che alimentare questa distorta, perversa e immatura visione della donna.

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...