domenica 17 aprile 2011

Gli uomini e quello strano senso dell'ordine

Non è vero che gli uomini sono disordinati. Niente potrebbe anzi essere più lontano dalla realtà. Gli uomini sono ordinati, solo che non lo sono a modo nostro. Gli uomini sono ordinati in un modo che solo un altro uomo può capire.

L'altro giorno ho discusso giusto per questo motivo con FF.
Tre settimane or sono, si era fatto prestare da IS (il suocero) del silicone, per fare certi lavoretti a me incomprensibili alla caldaia. Terminati i lavoretti, aveva riposto con cura l'enorme e sporca pistola di silicone in ingresso, sul pavimento. Dal momento che sto imparando i rudimenti delle dinamiche dell'ordine maschili, me ne sono guardata bene dal rimuovere lo strano oggetto. Per tre giorni. Poi, dal momento che non era resuscitato secondo le scritture e non se n'era andato, ho preso l'attrezzo e l'ho riposto nell'armadietto degli attrezzi. Mentre lo facevo, mi sembrava una cosa piuttosto logica.
L'altro giorno, FF mi ha chiesto dove fosse finito il silicone e, sentendo che l'avevo riposto nell'armadietto degli attrezzi, si è lamentato del fatto che gli faccio sempre "sparire le cose". Se la pistola fosse rimasta esattamente dove l'aveva messa lui, cioè letteralmente tra i piedi, si sarebbe ricordato di restituirla. Siamo giunti ad un compromesso: dal momento che non voglio inciampare in una pistola sporca di silicone rientrando la sera, abbiamo appeso al portoncino d'ingresso un post it con scritto "silicone", come promemoria. Lo trovo un compromesso da persone adulte.
Il fatto è che, pistola e silicone a parte, è sempre così: i vestiti devono restare sulla poltrona nel guardaroba a tempo indeterminato, perchè "un giorno" potrebbero essere indossati di nuovo, le scarpe devono rimanere nell'ingresso, in bella vista, i documenti devono rimanere tutti sopra la scrivania e così via.

Per cercare di venire a capo di questa faccenda dei vestiti, quest'inverno ho tentato un esperimento scientifico. Ho smesso, per una intera settimana, di riporre i vestiti nell'armadio. Dopo un paio di giorni, sulla poltrona si erano accumulati esattamente: due paia di jeans, due felpe, una camicia, una maglia con le maniche lunghe, una con le maniche corte, una tuta (sia pantaloni che felpa). Mi sono avvicinata al FF, che ancora dormiva, e gli ho chiesto se nel suo ufficio si fosse rotto il riscaldamento, visto che sentiva la necessità di mettersi tutti quei vestiti addosso.
L'esperimento è comunque fallito, perchè non si tratta di disordine, ma di un vero e proprio strano concetto di ordine. Le cose non vengono infatti messe a caso nei posti più impensati, ma vengono "riposte" in bella vista, perchè siano immediatamente disponibili.

Sono così giunta alla conclusione, dopo queste ed altre vicende, che per gli uomini gli oggetti che vengono messi in ordine e che non sono immediatamente visibili, cessino di esistere. Mi spiego meglio: non è possibile che esista una cosa chiamata "felpa" nell'armadio o una cosa chiamata "pistola sporca di silicone" nell'armadietto degli attrezzi. Se un oggetto si vede, allora esiste, se non si vede, non esiste più.
L'estate scorsa, mentre facevo la doccia, ho chiesto al mio FF di andarmi a prendere un paio di jeans qualsiasi ed una maglietta al piano di sopra. La sua risposta è stata "io non so mica dove tieni le cose".
Sarebbe bastato aprire un armadio ed avrebbe visto i miei vestiti. Perchè non ha aperto l'armadio e non ha frugato tra le mie cose, visto che è che abbia bisogno di un permesso speciale per farlo? Perchè i vestiti non immediatamente visibili non esistono.

Vi invito, donne che leggete, a fare anche voi un esperimento del genere.
Prendete un oggetto di piccole dimensioni, che prima o poi servirà al vostro uomo, e lasciatelo esattamente dov'è. Copritelo solamente con un foglio bianco, formato A4.
Scommetto che il vostro fiancè, non percependo l'oggetto cercato come immediatamente disponibile, vi chiederà per prima cosa dove cavolo lo abbiate ficcato (eh già, perchè può solo esserci il vostro zampino). A questo punto vi invito a rispondere, da un'altra stanza, che l'oggetto si trova semplicemente sotto il foglio bianco. Il vostro fiancè solleverà il foglio bianco, a questo punto? Macchè. Vi urlerà cose come "non c'è nessun foglio bianco", "quale foglio bianco?", "non lo trovo", "non lo vedo", "la smetti di mettere sempre via tutto". Ma non solleverà quel foglio finchè voi non vi alzerete, non andrete dove si trova lui, solleverete quel foglio bianco e l'oggetto ricercato tornerà ad esistere.
Poi fatemi sapere come andrà.

La Redazione

23 commenti:

  1. Io, che mi ritengo un super fanta mega ordinato sarei come il tuo FF, ossia se una cosa non è NEL POSTO IN CUI L'HO MESSA IO, mi innervosisco... e comincio a chiedere "chi ha messo le mani tra la mia roba?". La differenza è che le cose le ripongo in quelli che sono i loro posti (o almeno lo sono per me): camice, pantaloni, vestiti nell'armadio o dove si appendono gli abiti, carte, libri, quaderni, e quant'altro di scritto nella scrivania e nei cassetti...
    Io penso che chiunque se non trova una cosa dove l'ha lasciata brancoli un pò nel buio, la differenza sta semplicemente nel DOVE si ripongono le cose! L'ordine sta tutto qua!

    RispondiElimina
  2. Ciao redazione! Divertentissimo e iper-realistico questo post! Perfino in macchina i signori maschietti hanno il loro strano ordine!
    Buona domenica

    RispondiElimina
  3. @Mister Colorado: è esattamente quello che intendo. Non sono incazzata, prendo atto che la logica dei due tipi di ragionamento è completamente differente. Io cerco le cose dove vanno, lui le cerca dove le ha messe l'ultima volta, fosse anche tra i piedi.

    @Carrie: è veroooo!!! Le bucce di banana possono stare tranquillamente nel portaoggetti, ma guai se manca l'atlante stradario d'Italia!

    RispondiElimina
  4. Non solo, se invece addirittura lui & lei condividono lo stesso concetto (quello maschile, of course) e prolificano si può arrivare all'archeologia domestica. Cioè cercare le cose a seconda degli strati sotto i quali sono sepolte.
    Se si è in 5 (è il nostro caso), il risultato può essere devastante.
    Il più delle volte funziona.
    Non sempre, ahimè.
    L'effetto collaterale è la creazione di buchi neri in cui oggetti spariscono per riapparire dopo anni o addirittura mai più.
    Sic!

    RispondiElimina
  5. ringrazio, nonostante abbia 27 anni, di essere ancora single ... Il giorno che andrò a convivere, terrò a mente questi tuoi consigli ... con la speranza di riuscire a entrare nella testa del mio uomo, per capire come insegnargli a essere un minimo autosufficiente almeno con se stesso e le sue cose. Anche se immagino, che sarà una sfida già persa in partenza! :)

    RispondiElimina
  6. ah ah ah, è verissimo..hai pienamente ragione..ed io pensavo che fosse solo il mio ad avere questo concetto di ''ordine''...A presto ciao

    RispondiElimina
  7. Nah dai... io non mi ci riconosco...

    A parte... la scrivania... le bollette da pagare sono tutte lì sopra. Sempre.

    Ah... e le cose che DEVO leggere... sul comodino. PER SEMPRE.

    Beh... Poi ho effettivamente una lavagnetta ben visibile in ufficio dove mi segno tutto. Se non lo vedo, mi dimentico.

    Ok... Hai ragione te ;)

    RispondiElimina
  8. Ahahaha, stupendo leggere come tutti gli uomini si assomiglino, almeno per quanto riguarda il loro modo del tutto unico di essere ordinati. Noi andiamo dritte nel posto dove per logica le cose andrebbero riposte e loro nei posti più assurdi, assurdi per noi, ovviamente!!!!
    Buona domenica!!!!

    RispondiElimina
  9. Ciao Elisabetta! :-) (come stai, tra l'altro?)

    Ma perché dobbiamo essere tutti ordinati? Perché non ammettiamo che esistono i disordinati?
    O vogliamo trovare un posto anche per loro così scompaiono? :D

    Io sono disordinatissimo, per esempio. Ma vuol dire soltanto che non ho tutto quello spazio/tempo per mettere le cose in ordine ogni secondo della mia vita. I vestiti magari stanno nell'armadio fintantoché sono appena lavati, quando li si indossano una volta allora vanno sulla poltrona e lì stazionano finché non sono da lavare. :D Semplice! ahah

    scherzi a parte, l'ordine non è tutto. :)

    RispondiElimina
  10. @Insight: ecco, in quelle condizioni potrei morire... Non so bene di cosa, ma non sopravviverei...

    @Francesca: Inutile cercare di educare un uomo. Se si cerca di educare un uomo, tanto vale lasciarlo perdere. Sono creature che bisogna prendere un po' come vengono... Non sempre è un male, ma a volte li uccideresti.

    @ Artemisia e Valentina: anche voi avete esperienze di uomini così? Cacchio, allora ho ragione a dire che ragionano in questo modo! Inizialmente l'ho sostenuto solo per sentirmi un po' meglio...

    @Johnny: mi stai forse dando ragione? Anche un uomo mi sta dando ragione? Oddio: questa me la devo segnare sul calendario! Scusa la sceneggiata, ma non ci sono affatto abituata.

    @Filippo: io tutto ok, tu? Come va?
    Hai ragione, l'ordine non è tutto, ed è proprio per questo che il mio FF continua ad essere il mio FF. Anzi, guai a chi me lo tocca! :-)

    A presto!

    PS: ho come l'impressione che questo post abbia toccato qualche nervo scoperto... O sbaglio? Ahahah!

    RispondiElimina
  11. Io tutto bene grazie. :-)

    Ahahah... l'ordine è sempre stato un mio debole. Per riassumere potrei dire che io metto a posto e in ordine quando voglio farmi male.
    Credo di essere stato abbastanza esplicito! :D

    RispondiElimina
  12. Spero per te che non ci siamo molte occasioni in cui metti in ordine, allora!
    A presto e buona domenica sera

    RispondiElimina
  13. ah ah ah allora hai confermato l'ipotesi che è una sfida persa in partenza, mi fido se me lo dici, bè, quando allora proverò anche io questa esperienza, ti confermerò la validità della tua teoria :)

    RispondiElimina
  14. Che dirti cara!!! visto che tu hai un Fantasticofidanzato e io un Fantasticomarito che prima di essere tale era un Fantasticofidanzato pure lui, io e te non possiamo proprio evitare di diventare amiche!!! Che ne dici???
    Un bacio

    RispondiElimina
  15. Ho un parente acquisito che nel rimettere in ordine casa sua...smarrisce gli oggetti che non riconosce come appartenenti alla sua residenza ..ne consegue che non andranno più ritrovati,perchè buttati o chissà dove rinchiusi in attesa del loro legittimo proprietario. Credimi...è di gran lunga meglio un'uomo disordinato.
    Interessante blog!! Buona serata.
    Dandelìon

    RispondiElimina
  16. Cosa vuol dire che smarrisce gli oggetti che non riconosce come appartenenti alla sua residenza?
    Anche se non ho capito cosa combini, mi sembra abbastanza per farmi uscire di testa...
    Grazie per i complimenti e a presto!

    RispondiElimina
  17. "Gli uomini sono ordinati in un modo che solo un altro uomo può capire." Mi sa che hai centrato in pieno la questione: (almeno per me) è proprio così; ho un ordine tutto mio e guai se mi spostano qualcosa, vado "in crisi"... ;P

    Blog davvero carino e complimenti per l'intervista sul blog di Marta!
    Ciao! ;)

    RispondiElimina
  18. Se ci fosde un unico concetto di ordine (possibilmente IL MIO) sarebbe tutto più semplice! :-)
    A presto e grazie mille!

    RispondiElimina
  19. Ora Fab è fuori per un corso ... ma appena torna provo e ti faccio sapere

    RispondiElimina
  20. Ciao! Lo sai che hai pienamente ragione? Con mio marito (nonostante sia una persona sveglia e intelligente) succede la stessa cosa! Proprio l'altro giorno non trovava un maglioncino che (giuro) è sempre rimasto al suo posto da quando abitiamo lì!! Era solo sepolto sotto altri maglioni... e io poi naturalmente ci ho messo 1 secondo a trovarlo!!!! Bisogna avere taaaanta pazienza perché non lo fanno apposta, sono COSì!

    RispondiElimina
  21. @Redazione...esempio pratico: Io vado a trovare la consorte di quest'uomo..dimentico a casa loro il mio ombrello. Egli, nel suo immenso ,compulsivo bisogno di mettere ordine, non riconosce l'oggetto come suo...tempo un giorno, se non ti ricordi e vai a riprenderlo è già perso...nel senso, buttato o messo in ripostiglio in attesa che torni utile. Ma tu non lo ritroverai più...perchè egli dimentica persino di averlo visto.
    Incredibile ma vero.
    Buona serata.
    Dandelìon

    RispondiElimina
  22. Mamma mia!!! Come mi ritrovo in tutto ciò che hai scritto!! Non devo fare l'esperimento , perchè a casa mia succede così sempre , con ogni minima cosa : chiavi , documenti ,vestiti , pentole ecc ecc!! E la frase di rito è sempre:
    "Vuoi vedere che se vengo lì io c'è???"

    RispondiElimina
  23. @ Bussola: allora? Com'è andata?!?!?

    @ Chiaretta: non è questione di essere intelligenti o meno. Il mio FF non lo cambierei per nessun altro al mondo: è sveglio, intelligente, simpatico, dolcissimo, ma è un uomo! E con questo dici molte cose...

    @ Dandelion: chi ha buttato l'ombrello? Lui o la moglie? Perchè se è stato lui è strano forte... ahah!

    @ Selena: quante volte l'ho detta anch'io questa frase... No comment...

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...