mercoledì 27 aprile 2011

Un amore a prova di omicidio felino

Le coppie unite, ma veramente unite, superano tutto.
Bella. Ma come fare per sapere se si è una delle metà di una coppia veramente ma veramente unita? Ieri stavo quasi per scoprirlo. A spese di una gatta.

Questo weekend è venuta a stare da noi la gatta di FF, che dal momento che lui ed io siamo poco a casa, da quando viviamo assieme ha continuato a vivere con i suoceri.
Mi piace avere la gatta per casa ed uno dei miei sogni è riuscire a permettermi un gatto. Non c'entrano questioni economiche, si tratta di avere abbastanza tempo a disposizione per non costringere una povera bestiola a trascorrere gran parte della propria vita in una casa con le tapparelle abbassate stile bunker, ad aspettare che qualcuno rientri incazzato nero e stressato.
Ieri mattina sono andata al lavoro, lasciando la cassetta della sabbia della gatta sul terrazzo e la persiana un po' alzata, così da permettere alla bestiola di andare fuori per fare certe cosettine puzzolenti. Il tempo era splendido.
A metà pomeriggio il cielo ha iniziato a diventare grigio ed a minacciare pioggia. Merda. Già, letteralmente: immaginavo la caccotta della gatta a galleggiare in una cassetta colma di acqua piovana e io, con conati, annessi e connessi, a cercare di uscire da quel vomitevole casino. Immaginavo poi la gatta uscire sul terrazzo con la pioggia, magari scavare in qualche vaso (chissà perchè avrebbe dovuto farlo, poi) e rientrare a spaparanzarsi sul divano completamente coperta di fango. Merda!
Non riuscivo a lavorare, giravo per l'ufficio isterica ripetendo di continuo "che schifo, che schifo, che schifo!". Non potevo lasciare l'ufficio, non proprio vicinissimo a casa, per cercare di salvare la situazione prima che piovesse.
Così ho fatto quello che faccio sempre quando mi trovo nella cacca: ho chiamato la mamma.
- Mamma, senti, non è che per caso stai uscendo?
- Sì, sto andando a fare la spesa. Ti serve qualcosa?
- No, è che... Devi per caso andare dalle parti di casa mia? (i miei non abitano precisamente alla porta accanto...)
- Sì, in effetti devo venire da quelle parti. Che c'è? (botta di culo cosmica!)
- Senti, non è che potresti passare per casa e tirarmi dentro la sabbia della gatta? L'ho lasciata sul terrazzo... Stamattina c'era il sole...
Secondi di silenzio. Mia madre non odia gli animali, li adora. E' che ne ha paura, anche dei porcellini d'india, per cui vi lascio immaginare quanto fosse terrorizzata all'idea di fronteggiare un gatto completamente da sola e disarmata.
- Devo portare in casa anche la gatta?
- Oh nonono. La gatta sarà terrorizzata sentendoti entrare ed andrà a nascondersi. No problem.
- Allora sì. Sarò lì tra mezz'oretta.
Grazie alla botta di culo allucinante e soprattutto grazie a mia madre ero convinta di aver scampato il pericolo "escremento galleggiante".
Dopo mezz'oretta, ecco arrivare un sms da mia madre: "tutto ok a casa. Cassetta ritirata, ma la gatta è INTROVABILE". "Introvabile"? What is "introvabile"?
In quel mentre si è intromesso un collega, dicendo provvidenzialmente "una volta la mia gatta si è buttata dal secondo piano per inseguire chissà cosa".
Merda. Doppia merda e contromerda. Ero certa di aver accoppato la gatta di FF.
Ok, non potevo sapere, non avendo mai avuto animali domestici, che i gatti usano lanciarsi dai terrazzi come supereroi, ma avevo in ogni caso ucciso la gatta di FF lasciandole libero accesso alla terrazza del secondo piano di un appartamento vuoto.
Ho chiamato immediatamente mia madre.
- Mamma, che vuol dire che la gatta è introvabile?
- Vuol dire che l'ho cercata, l'ho perfino chiamata, ma non sono riuscita a trovarla.
- Hai guardato sotto al letto?
- Sì.
- Dietro al divano?
- Sì.
- Dietro al mobile del soggiorno?
- Sì.
- Hai visto gatti spiaccicati sotto il terrazzo?
- Oh mio dio: nooo!
- Almeno è sopravvissuta all'impatto. E dove cavolo sarà adesso?
- Chi?!?
- La gatta!
- Quale gatta?
- Quella di FF, che si è lanciata dal secondo piano! I gatti, di solito, tornano verso casa, giusto?
- Scusa, ma faccio fatica a seguirti. Vuoi che ci vediamo più tardi? Aperitivo dalle parti del tuo ufficio?
- No, scusa, mamma. Grazie, ti chiamo dopo.
Avevo ammazzato la gatta di FF, o quantomeno l'avevo dispersa. Come potevo dirgli una cosa del genere?
Ci saremmo lasciati, era ovvio. Come saremmo riusciti a guardarci di nuovo in faccia, sapendo di cosa sono capace? Giuro di aver anche pensato: "sarei una madre orribile. Come mi è passato per l'anticamera del cervello di essere in grado di occuparmi di un bambino, dal momento che non riesco nemmeno a tenere in vita un gatto, cioè l'essere più autonomo sulla faccia della terra?".
Panico. La mia vita stava per finire. Mi sarei trovata di botto single, con un rimorso immenso, a dormire nel lettuccio a casa dei miei, con la coperta di Winnie The Pooh. E sarei stata single per sempre, e sfigata, e avrei perso il grande amore della mia vita! Un incubo!
Stavo affogando nel panico quando ho ricevuto un sms da parte di FF: "sto già tornando a casa. Visto che rientro prima, riporto la gatta dai miei".
Gatta? Proprio quella che avevo appena accoppato? Oh cacchio!
Ho guardato il telefono per un tempo interminabile, cercando le parole per dire a FF che con tutta probabilità ero l'assassina della sua adorata ed adorabile gatta. Che avevo ucciso la sua palla di pelo, alla quale vuole così bene da chiamarla accidentalmente con i nomignoli che usa per me.
Ho guardato il telefono così a lungo che ho visto arrivare un nuovo sms da FF: "Gatta riconsegnata. Ci ho messo una vita a trovarla: la scema si era nascosta dietro l'armadio!".
- Mamma, senti, sei ancora libera per quell'aperitivo? No, perchè credo di aver bisogno di un paio di alcolici...
Non sono ancora emotivamente pronta per scoprire se noi siamo "quel" genere di coppia.

La Redazione

23 commenti:

  1. Quante emozioni può procurare un Gatto...ma alla fine tutto si è risolto!!
    Gli animali hanno bisogno di cure tanto quanto un essere umano..alle volte anche di più...bella esperienza!! Buona giornata..
    Dandelìon

    RispondiElimina
  2. La caccotta della gatta mi ha fatto sparare il primo sorriso della giornata (ho l'impressione che oggi non saranno molti)
    Comunque dai, i gatti saranno gli animali più autonomi del mondo per qualcosa...scorrazzano per il mondo come gli pare e piace per poi tornare quando hanno fame!....simpatici!

    ps: hai finito di demolire i miei miti?!? prima i pigiami, adesso anche la copertina di Winnie the Pooh?! Quella non ti permetto di insultarla...Io sono un po' come Linus, porto la mia copertina di Winnie the Pooh ovunque e quando non siamo in viaggio è comunque la mia inseparabile amica di sonnellini e pennichelle sul divano!

    RispondiElimina
  3. La curiosità mi divora: FF non legge il tuo blog? ahah

    Ciao Eli, sei freschissima, bell'intervento :)

    RispondiElimina
  4. Ahhahahahh bellissimo il tuo post!! Troppo divertente... ci credo che hai avuto una fifa pazzesca!!
    Anche mio marito vorrebbe un cane in casa, ma siamo fuori tutto il giorno, sarebbe una tortura per il povero animale!!!

    RispondiElimina
  5. Troppo forte...mi sono immaginata la scena di te davanti al telefonino cercando le parole giuste per FF per comunicargli la dipartita della gatta!!!...comunque, secondo me, siete quel genere di coppia!!!
    Besos

    RispondiElimina
  6. allora diciamo che hai scampato un bel pericolo ... ah ah ah, ho avuto tanti gatti per tanti anni, quando ero piccola li adoravo, poi però da 5 anni ho preso il cane ... cmq questi splendidi animali, oltre ad essere molto indipendenti, hanno la capacità di sapersi nascondere in luoghi improbabili, anche a me capitava di non riuscire a trovarli per ore intere, dove in quei frangenti, nella mia testa si scatenavano le peggiori tragedie, per poi stritolarlo dall'emozione appena ricompariva sotto i miei occhi. meno male che alla fine tutto si è concluso nel migliore dei modi ... :) e a volte, succedono cose, che per mantenere l'equilibrio in una coppia è meglio tacere :) buona giornata

    RispondiElimina
  7. Bellissimo post! La mia gatta una volta si era nascosta in un cassetto di quelli belli alti e profondi, mia mamma non vedendola (non riesco ancora a capacitarmene adesso!) e trovandolo aperto l'aveva chiuso. Ricordo che avevamo passato un pomeriggio a cercarla, ci eravamo anche messe a piangere, poi ci era venuto un dubbio e aprendo il cassetto l'avevamo trovata che dormiva!!

    RispondiElimina
  8. "mai giocare a nascondino con un gatto, vince sempre lui". (letta su un calendario gattofilo qualche anno fa)
    Miao.

    RispondiElimina
  9. Hehehe... come mi ci rivedo!

    Una volta la gatta della mia ex era sparita. Ero stato in casa tutto il giorno con lei... e si era volatilizzata.
    Stavo cominciando a pregare, studiando ogni esatta parola da usare per dirle che la sua gatta doveva essere scivolata fuori senza che me ne accorgessi... In quel momento ritorna a casa e spunta fuori la gatta (nascosta sopra alla cucina)... Argh!

    Però mi ha passato l'amore per i micioni... ne ho due miei adesso :)

    RispondiElimina
  10. Che bello leggere che anche gli altri gatti spariscono senza necessariamente volare dal secondo piano!
    Per chi se lo sta chiedendo: tendenzialmenre FF non legge il mio blog (ma i suoi colleghi si!). Non lo tengo lontano io, semplicemente non è interessato. Non ci sono segreti, comunque. Questa storia della gatta non la sa, ma se la leggerà qui... Beh... Pazienza! Perchè sono convinta che siamo quel genere di coppia. Non siamo vecchi, nemmeno dentro, ma mi piace pensare di essere all'antica da questo punto di vista. E poi lo adoro...
    Buonanotte e un bacio a tutti!

    RispondiElimina
  11. carissima redazione: c'è un premio per te sul mio blog! un bacio!

    RispondiElimina
  12. al posto tuo me la sarei fatta sotto e, nell'attesa, avrei dato testate a ogni spigolo. Al ritrovamento e, quindi, alla felice conclusione penso che sarei svenuta per discesa repentina dell'adrenalina. Insomma forse sarei deceduta

    RispondiElimina
  13. Mi hai risollevato il morale con questo post divertentissimo...comprendo il tuo sentirti persa in una situazione simile ..ma l'hai raccontato in modo troppo forte per non sorridere...!!!

    RispondiElimina
  14. @Fenice: grazieeeee!!!! Carissima, oggi mi sono trasformata in desperate housewife, ma ti prometto che al più presto ti ringrazierò a sufficienza per questo splendido premio!

    @Nua: sì, è quello che in effetti a momenti mi succedeva... Ero sollevata, ma stavo malissimo comunque...

    @Artemisia: sono felice di averti risollevato il morale! E grazie!

    A presto!

    RispondiElimina
  15. Il tuo post mi ha fatto piegare i due dalle risate...E sono contenta che la cosa sis ia risolta per il meglio...

    RispondiElimina
  16. Che avventura! Ogni tua parola mi ha permesso di immaginare la scena... che risate! Un abbraccio grande, a presto.

    RispondiElimina
  17. Noto che questo post ha fatto ridere un sacco di gente. A rileggerlo oggi ho riso anch'io, perchje' in effetti devo essere stata proproi patetica in quei momenti, ma vi assicuro che ero a dir poco angosciata. Ero convinta di essere al capolinea della mia vita! Che sensazione terrificante...
    Grazie infinite Francesca! Ho postato un ringraziamento anche sul tuo blog.
    Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  18. PS: mi scuso, ho una tastiera indecente sotto mano in questo momento.... Non e' che ho battuto la testa e ho perso l'uso della grammatica...

    RispondiElimina
  19. Ah, ah, ah, le avventure con i flini sono sempre geniali! Per questo ne allevo ben tre! :-)

    RispondiElimina
  20. Tre felini? E non sono ancora spariti lasciandoti a fare un infarti dall'apprensione? Complimenti!

    RispondiElimina
  21. Troppo simpatica questa situazione,io avendo quattro gatti ero abituata a queste sparizioni,adesso sono anziani e il loro posto è sempre il lettone!

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...