venerdì 22 luglio 2011

Le piccole cose che odio di te - versione maschile

Vi ricordate il post "le piccole cose che odio di te"?

Per scrivere quel post avevo chiesto aiuto ad un gruppo di amiche, intervistandole sui piccoli, insignificanti difetti e sulle minuscole pessime abitudini dei propri uomini, capaci di far però partire l'embolo. Il post ebbe grande seguito e vennero a galla numerosi innocenti difettucci capaci di portare una donna sull'orlo di una crisi di nervi. Tanto per dirne uno: la tavoletta del water perennemente alzata. E ci siamo capite.
Non mi sembrava giusto non dare ai maschietti possibilità di replica e costringerli ad incassare tante critiche, e da fanatica delle pari opportunità quale sono ho chiesto agli amici del "Taccodieci Opinion Team", sempre più numerosi, di esprimersi liberamente e di indicare i vezzi femminili che proprio non sopportano.
E' impressionante la quantità di cose che noi donne catalogheremmo tranquillamente come "piccole paranoie tipicamente femminili" (insomma, cosucce carine che ci rendono uniche e civettuole) e che invece trasformano sul lungo periodo un uomo in un serial killer.
Chi di noi non ha mai scaldato, in inverno, i piedini congelati sulle gambe calde come termosifoni del proprio fidanzato? Prima cosa insopportabile, almeno secondo Johnny Ten.
I piedi gelati che vengono scaldati regolarmente sulle mie gambe sempre caldissime.
E quanto non è romantico dormire abbracciati? Lo vediamo costantemente in film e telefilm (che a questo punto ho il sospetto che ci imbottiscano la testa di cose "che succedono solo nei film", appunto): protagonista (maschio) e protagonista (femmina) che dormono abbracciati. Scena classica: donna sul fianco e uomo che la abbraccia teneramente tenendo le mani attorno alle sue spalle. Avete presente?
Macchè, questa sembra essere per gli uomini la posizione più scomoda al mondo per dormire.
Io non riesco a dormire abbracciato. Magari la prima volta che si dorme insieme, posso sopportare un paio d'ore (che poi non dormo)... Ma la cosa peggiore è quando mi viene chiesto tutte le sante notti... pur sapendo che così non riesco a dormire. (te lo ricordi Chandler su Friends? che deve divincolarsi ogni notte?)
Un altro vezzo tipicamente femminile (che talvolta mettiamo in atto appositamente per sentirci desiderate e per fare l'entrata in scena perfette scendendo dalle scale di casa, stile appuntamento per il ballo di fine anno, diciamocelo) è quello di metterci una vita per prepararsi ad uscire.
Un uomo si infila la prima t-shirt che gli capita a tiro, prende a casaccio un paio di jeans dall'armadio tra i millemila pressochè uguali che possiede ed è fatta. Se non si pettina è ancora meglio: avrà quel look un po' trasandato alla Dilan McKay. Noi no. Noi ci dobbiamo piastrare i capelli (se siamo ricce) o passare il ferro arricciatore (se siamo lisce), dare un'ultima indispensabile passata di Silk Epil, verificare lo stato di tosatura delle sopracciglia, truccarci, poi guardarci allo specchio, farci schifo, togliere il trucco appena messo con una salvietta struccante passata con rabbia, ritruccarci, provare almeno quindici abbinamenti di vestiti, cercare in soffitta quel paio di scarpe dell'estate 2002 che sono tornate improvvisamente di moda. Lo sappiamo. Va sempre a finire così.
Non dico che dovremmo uscire come se ci fossimo preparate al buio durante una scossa di terremoto, ma se sappiamo che ci vuole tempo, perchè non iniziare i preparativi con un po' di anticipo? Soprattutto dal momento che, come suggerisce Denait, l'attesa per un uomo non è poi così dolce?

Iniziare a prepararsi per uscire 5 minuti dopo che si sarebbe dovuti arrivare...
Sono sempre stata una fanatica sostenitrice del fatto che non esistano discorsi da donne e discorsi da uomini: per me esistono discorsi. Punto.
Però ci sono dei discorsi che agli uomini risultano pesanti, perchè comprendenti elementi del tutto estranei al proprio mondo, che li costringono ad interessarsi a cose verso le quali non nutrono alcun tipo di interesse. Uno di questi argomenti è il matrimonio. Denait ad esempio viene portato allo strazio dai racconti dei matrimoni... degli altri.
Descrivere con dovizia di particolari gli abiti da sposa delle amiche, blaterando di cose come tulle, sciffon, corpetti ed altre cose che nel vocabolario maschile sono riunite alla voce "ciarpame inutile"
Legittima lamentela, che però mi fa sorgere spontanea una domanda: ma a quanti matrimoni siete costretti ad andare, ultimamente?
Un altro argomento off limits, se si vuole mantenere da parte di noi donne una parvenza di serenità tra le mura domestiche, sono le lamentele lavorative.
Arrivare a casa e scaricare una quintalata di pare lavorative sulle spalle di uno che ne ha avute altrettante, ma se le tiene per sè con spirito stoico.
Qui mi chiedo: qual è il limite tra il cercare calore umano al termine di una giornata da impazzire e lo stalking nei confronti del proprio uomo?
Ci vantiamo inoltre, noi donne, di essere capaci di eseguire millemila attività contemporaneamente, ciascuna con la precisione che il caso richiede. Ci siamo mai chieste, però, se a chi debba essere ascoltato da noi vada bene questa situazione?
Oppure quando la trovo in versione multitasking, sta parlando con me ma contemporaneamente chiama e/o fornisce istruzioni ai figli. Ciccia, ci vediamo pochi minuti al giorno, posso avere la tua attenzione per più di qualche secondo?
La riflessione sul fatto che noi donne siamo costrette a portare avanti tutte queste attività e che, essendo la giornata costituita esclusivamente da 24 ore, per forza di cose queste attività si debbano accavallare, sarebbe troppo lunga da fare per questo post (e probabilmente per questo blog). Limitiamoci per ora ai fatti ed agli sfoghi maschili.
Come se già queste segnalazioni non fossero abbastanza per farci strabuzzare gli occhi, arriviamo all'area del linguaggio, imputata come potenziale e principale causa di divorzi e separazioni.
Qui le segnalazioni si sprecano.
Quando parla non finisce mai le frasi, lasciando a me (che pure non sono sveglissimo) l'arduo compito di completarle. Oppure usa spesso le parole "coso", "il tipo", "il cicciobello"... senti tesoro, ma di chi o cosa stiamo parlando? Ce li hanno dei nomi? Usali, cazzo!
Difficile che io riesca ad esporre un ragionamento completo che lei lo ha già terminato al posto mio, il più delle volte sbagliando.

Sembra inoltre che noi donne pretendiamo. Pretendiamo che un uomo faccia questo, che un uomo faccia quello... E ci arrabbiamo quando un uomo non porta a termine i compiti assegnati.
Dire le cose da fare a rate, così uno crede di aver finito ed entra in modalità svacco, in realtà non ha neanche iniziato. Lo switch tra le due modalità è molto usurante per i nervi.
Ripetere le cose un gozzilione di volte, se non si scatta come soldatini sull'attenti entro 30 millisecondi netti.
Mi limito a dire che sarebbe tutto più facile se gli uomini si accorgessero da soli delle faccende da sbrigare e le sbrigassero, senza aspettare direttive che sono anche antipatiche da dare. Dal momento che non voglio terminare i miei giorni schiacciata sotto il peso di insulti maschili, non mi avventuro oltre in questa intricata faccenda.
Se pensiamo che anche un pizzico di gelosia sia il sale per mantenere vivo un rapporto, ci sbagliamo di grosso. La gelosia, soprattutto quando immotivata, non piace.

La gelosia eccessiva e ossessiva. Sono l'uomo più fedele della Terra, cazzo.
Gli uomini sembrano quindi volere donne comunicative, ovvero persone con cui potersi confrontare e non persone che aprano la bocca per dare ordini o per lamentarsi.

Posso dire la cosa che detestavo di più della mia ex: non ha mai voluto affrontare direttamente i problemi, parlare dei suoi dubbi... con me; teneva il muso sperando che io le leggessi nel pensiero.
Non mi taglierò i capelli come li vuoi tu. Punto.
Un uomo, soprattutto quando fedele, se non ci abbraccia, non ci porge un fazzoletto quando il nostro capo ci fa impazzire, non ci porge le gambe calde durante le fredde notti invernali, non si sforza di capire la differenza tra un tulle ed una crinolina, non è che non ci ama. E' semplicemente un uomo. Ed è fatto così.
Non è detto che sia giusto o sbagliato, ma è un uomo. E non è nemmeno detto che sia l'uomo per noi, ma sempre un uomo è.
Mi sento di concludere, tuttavia, sottolineando che in qualsiasi coppia nessuno capita all'altro come capita un'influenza. Ci si sceglie, anche se a volte viene da pensare "ma chi me l'ha fatto fare".

La Redazione

20 commenti:

  1. Post grandioso...anche se io odio dormire abbracciati mentre lui lo adora!!! lo snervo sui racconti matrimoniali lo avevo notato...buon fine settimana!

    RispondiElimina
  2. Ops... eh, è vero, siamo abbastanza pedanti.
    A questo punto, vado davvero ad accendere un cero a San Procopio, che mi ha fornito un moroso che ancora riesce a trovare irresistibilmente dolci i miei piedini gelati in dicembre, al punto di chiedermi lui stesso di intrecciarli ai suoi per farmeli scaldare, e che se durante la notte ci "sciogliamo" mi viene lui a ripescare. Un peluche insomma. E dire che con gli altri è str***o che piega. o_O
    Grazie per queste info preziosissime, dobbiamo tenerle a mente! ;)

    RispondiElimina
  3. F-I-G-A-T-A.

    E cmq te/ve lo giuro : NON MI TAGLIERò I CAPELLI COME LI VUOI TU/VOLETE VOI!

    :D

    RispondiElimina
  4. @Ali: sinceramente nemmeno io pensavo sarebbero venute a galla tante cose. I ragazzi del TOT hanno risposto con entusiasmo, come se non vedessero l'ora di buttare fuori tutta questa roba, fin dalle primissime ore dalla richiesta.

    @Sulsecondobinario: che certe paranoie non siamo tipicamente femminili ma varino da persona a persona? Che tutto sia così molto più semplice di una banale generalizzazione?

    @Pri: il tuo ragazzo è anomalo. Quindi tientelo stretto! Anche FF adora dormire abbracciato, comunque, ed è una cosa che mi piace da morire!

    @Johnny: che hanno i tuoi capelli che non va? A me sembrano normalissimi! E sono pure fichi!

    RispondiElimina
  5. ... è vero! I piedi gelati! Passando la maggior parte delle notti fuori casa li avevo scordati.
    Ragazze & signore, considerate però che se noi maschietti dobbiamo dirottare grosse quantità del nostro sangue verso gli arti inferiori per riequilibrare la temperatura potrebbe non restarne a sufficienza per riempire i corpi cavernosi. Di qui uno svenimento che voi scambierete per sonno o disinteresse.
    Scegliete pure l'uso che preferite per i nostri fluidi corporei ma la coperta può essere corta.

    RispondiElimina
  6. Beh dai a volte finiamo i loro discorsi perché per esprimere un concetto semplice ci vuole un secolo!

    RispondiElimina
  7. bè, entrambi i sessi hanno le proprie ragioni e i propri motivi per infastidirsi ... io non ho mai avuto storie così lunghe da avere atteggiamenti che mi urtassero il sistema nervoso, però una domanda da farti c'è l'ho: - ma se qualcuno, arrivato a un certo punto non si sopporta più, come fare a evitare la tragedia imminente di mettersi le mani addosso? ah ah ah

    RispondiElimina
  8. mi preoccupa il fatto che faccio quasi tutte le cose elencate ma il mio ragazzo non mi ha mai contestato nulla.. urge discorsino per capire lo stato di stress accumulato da ogni mia azione?!
    (ma nooo quasi quasi faccio finta di non aver letto il post e continuo così :D )uhauha perfidia pura, cmq bel post!
    M.

    RispondiElimina
  9. Nel 70% delle cose non mi ci ritrovo, sarò anormale, ma non ci metto una vita a prepararmi, so già cosa mi voglio mettere prima non mi trucco quasi mai, se mi dovessi mettere un pò di matita lo faccio una volta e basta, non riesco e dormire abbracciata, per i piedi ghiacciati ci sono i calzettoni di microfibra spugnosa, se dobbiamo uscire è lui che è in ritardo, non me ne frega un cavolo dei miei vestiti figurati di quelli delle altre, quelli da sposa poi secondome ti fanno solo sembrare un grossa e buffa meringa e li schifo. Non sono gelosa, sono bsx e sono io che faccio notare culi e tette a lui. non voglio che si tagli i capelli e questo potrebbe diventare un problema nel caso un giorno lui invece volesse tagliarseli e si mi incazzo di brutto quando non si accorge che ci sono cose da fare in casa e le sto facendo da sola e lui sta cazzaggiando col pc! Ma quello mi dispiace maschietti belli è sacrosanto, NON SIAMO LE SCHIAVE DI NESSUNO! Per quanto mi riguardaquesta cosa la si impara con le buone o con lecattive nel senso che quando ne ho le palle piene cucino per me da sola faccio il bucato solo delle mie cose e pulisco solo quello che uso io per il resto ciccio bello ti attacchi! Per quanto riguarda gli sfoghi mi sento autorizzata asfogarmi col mio compagno come lui è autorizzato a farlo con me, se poi lui non lo vuole fare affari suoi ma non è chesi può inccazzare se io lo faccio, stare insieme significa stare insieme per cose belle e per cose brutte. Per il resto trovo che i maschietti suggeritori hanno un idea di noi donne che si basa su luoghi comnuni antichi oppure hanno avuto un sacco di sfiga perchè io sinceramente di donne che si comportano davvero come descritto qui su ne conosco molto poche.

    RispondiElimina
  10. @Insight: eheh con la crisi che c'è in giro occorre impiegare in maniera oculata le risorse disponibili!

    @Kylie: sì, concordo... Ma penso che sia perchè siao abituate a dover ragionare, prendere decisioni e "fare" più in fretta. O forse stiamo perdendo semplicemente la pazienza...

    @Francesca: concordo appieno sul fatto che entrambi i sessi hanno delle ottime ragioni per infastidirsi. Come fare a non mettersi le mani addosso? Siamo alle solite, perchè è sempre una questione di pazienza.

    @Waterwitch: se non ti ritrovi nella maggior parte delle cose che ho scritto e che hanno segnalato i ragazzi del TOT ho solo un commento da fare: GRAZIE A DIO.
    Solo che non sarei così categorica come te. Tu sei una donna che non si crea problemi, che non si fa paranoie, che non so per quale fortunata congiuntura vive serenamente come dovrebbe essere. Solo che non tutte e non tutti sono così.
    Il fatto che tu fortunatamente non conosca uomini e donne che ricalcano stupidi stereotipi non vuol dire che non ci siano persone così e che non sia giusto parlarne.
    Sono contro gli stereotipi, sempre stata, perchè anche se indosso un tacco dieci non lo faccio per fare l'ochetta, ma solo perchè, anche se sembra incredibile, trovo che sia una scarpa comoda e mi piace indossarla.
    Purtroppo però ci sono donne che permettono agli uomini di trattare come schiave, ci sono uomini che si permettono di passare dalla mamma alla fidanzata credendo che tutto gli sia dovuto, ci sono ragazze che purtroppo pensano che essere carine ed attraenti significhi farsi mettere i piedi in testa. Purtroppo si inizia dalle piccole cose, dai piccoli gesti quotidiani di egoismo. Perchè gli stereotipi, per quanto stupidi e falsi siano, sono rassicuranti. E' facile calarsi nei panni della docile fidanzata per essere rassicurata (soprattutto per chi non ha una forte personalità).
    E' ora di dire basta, di far venire a galla tutte queste cose e di non evidenziare esclusivamente i grandi ed eclatanti gesti di negate pari opportunità. Ci sono tantissime donne che vengono picchiate e maltrattate, che vengono vendute, è vero, ma ce ne sono anche tantissime, troppe, che vivono una vita silenziose, abbassando sempre la testa e negando se stesse per incarnare questi stereotipi.
    Queste donne fanno in modo che gli uomini si mettano in testa di poter pretendere che siamo tutte così.
    Scusa lo sfogo. Sono d'accordo sul fatto che tutte dovremmo avere la possibilità di scegliere chi vogliamo essere e come realizzare noi stesse. Il fatto che noi ci riusciamo purtroppo non significa che per tutte sia così.

    RispondiElimina
  11. Spendo infine qualche parola per difendere i ragazzi del TOT. Si tratta di ragazzi che si mettono in gioco facendo parte di questo gruppo e che, se dicono certe cose, sono sicura che le vivono sulla propria pelle. Sfortunati o fortunati, secondo me le donne così esistono eccome.

    RispondiElimina
  12. Uhm, avrei giurato che la discussione fosse nata con un tono e un intento più leggero, o almeno così l'avevo intesa io. Qualcosa tipo "buffetto sulla guancia alla partner", e non tipo "Argh, mi rovini l'esistenza".

    Denait

    RispondiElimina
  13. Ecco, bravo, riporra un po' di buonsenso...
    Grazie!
    Ma com'è che non sapevo avessi un blog?

    RispondiElimina
  14. Bellissimo post...hai ragione tu, non è che se non si comportano come noi, non parlano come noi o non reagiscono come noi non ci amano...semplicemente, vero è, che: gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere!!!...Facciamocene una ragione...
    Bacio

    RispondiElimina
  15. Non passavo da un pochino da queste parti.. Bel post, davvero. Ovviamente non mi ci trovo in alcune cose.. ma è naturale che come a noi danno fastidio alcuni "vizi" loro, a loro danno noia alcune nostre "abitudini" ;) però quando c'è l'Amore il resto passa in secondo piano. O meglio si trovano "deliziosi" anche i piedini freddi intrecciati alle loro gambe.. l'asse alzata un pò meno ;) Ovviamente scherzo......

    RispondiElimina
  16. E poi.. cosa avrebbero dovuto dire gli uomini su: le piccole cose che odio di te-versione femminile??

    RispondiElimina
  17. Allora sono fortunata a non conoscerne.
    In ogni caso ho scritto quello che ho scritto non perchè trovo sia stupido parlarne, tutt'atro, però trovo che sia alquanto soprpassato (non a livello di moda) il modo con cui vengono anora viste le donne. Non ho letto il post contrario, ma credo che troverei sorpassato anche gli approcci delle donne con gli uomini in quello.
    Poi il fatto di vivere serenamente, non è una fortunata congiuntura, ma il frutto, da una parte per fortuna dall'altra purtroppo, di essere cresciuta in un'isoletta minuscola, di avere un padre possessivo, di avere avuto fidanzati altrettanto possessivi e maschilisti e di essere vista come troia dalle altre donne invidiose dell'isola, per essere fiera della mia femminilità ed avere un cervello pensante non dipendnete da un uomo, di essermi rotta le palle di tutto ciò e aver cominciato a mandare un pò a fanculo l'universo intero, non vivo poi così tranquilla, sono libera, ma provo rancore e moltissima rabbia nei confronti di questa realtà e di tutte quelle che le somigliano.
    Non giudico una donna fighetta solo perchè porta i tacchi, mi sono fatta tutta l'adolescenza sui tacchi 12 trovandoli comodissimi, poi non so che è successo ma adesso ho difficoltà a tenere per tre ore di fila un tacco 5 -_-'
    Sono perfettamente d'accordo con te su tutto, purtroppo esistono uomini, specialmente qui in sicilia, che passano dalla mamma alla moglie con l'unica differenza che la moglie la trombano... però non sanno neanche fare un uovo fritto... e la cosa peggiore è che neache le loro moglie riescono a capire che se continuano a pulirgli anche il sedere dopo che sono andati di corpo loro non impareranno mai a pulirselo da soli... è terribile ma vero!

    RispondiElimina
  18. @Fabi: sono d'accordo. Loro vengono da un pianeta, noi da un altro. E' come incontrare una nuova civiltà che mette in discussione tutte le tue certezze.

    @LadyRevolution: secondo me infatti queste cose vengono notate dopo un po' che si sta assieme, mica subito. Subito tutto è adorabile, di lui e di lei, perfino i difetti più orribili. Aaahhh, potere delle lenti rosa dell'amore!

    @TestadiC: eh, credimi, ne avrebbero...

    @Waterwitch: quanto mi piacerebbe che queste cose fossero aria fritta per tutte e per tutti! Che tutti potessero dire "ma ti ricordi quanto eravamo cretini a comportarci come cavernicoli?".

    RispondiElimina
  19. Piccoli contributi sulla stessa linea, anche se un pochino più datati del vostro:
    Piccole idiosincrasie di coppia (http://www.convivendo.net/2011/02/piccole-idiosincrasie-di-coppia/) e Il tubetto del dentifricio e l'asse del Water (http://www.convivendo.net/2010/09/tubetto-dentifricio-asse-water/).

    Complimenti per lo stile!!! :-)
    Luca

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...