venerdì 1 luglio 2011

Una guerra senza esclusione di colpi chiamata "pulizie di casa"

Colpi. E' giusto il caso di chiamarli "colpi".

Dal momento che FF ha recentissimamente scoperto di essere allergico agli acari (ecco spiegata la misteriosa tosse che non lo molla da settembre) e dato che domani mattina partiremo per un tanto bello quanto stremante weekend in montagna, oggi decido di prendere quattro delle millemila ore di permesso che avanzo per trascorrere il pomeriggio a pulire la casetta.

Torno a casa con l'intenzione di non perdere nemmeno un secondo e pulire tutto estremamente a fondo.
Per prima cosa inizio passando l'aspirapolvere al piano di sotto. O meglio, vado a prendere l'aspirapolvere, che tengo nel sottotetto, e non so come riesco a colpirmi l'orecchio violentemente con l'elettrodomestico. Dal momento che sono una persona equilibrata che assolutamente non soffre di PMS, piazzo un pugno allo strumento malefico mentre impreco come una camionista contro l'aspirapolvere, la sfiga, le pulizie di casa e gli appartamenti autopulenti che non sono ancora stati inventati.
Nel frattempo l'orecchio destro mi diventa come una bistecca... al sangue.
Con l'orecchio pulsante aspiro il piano inferiore.

Riempio il secchio del mocio per disinfettare le piastrelle, aggiungo il detersivo, alzo il secchio e... il manico non era fissato da un lato, così inondo il bagno di acqua, candeggina e Mastro Lindo.
Mentre impreco come un branco intero di camionisti inferociti, arraffo degli stracci ed inizio ad arginare l'inondazione, che nel frattempo arriva alle mie ciabatte.
Mi accorgo, guardando in basso, che la candeggina ha colpito anche i pantaloni che indosso, regalandomi una pezzatura molto fashion. Per carità, si tratta dei pantaloni di una tuta, ma pur sempre di pantaloni che mi avrebbe fatto piacere indossare di nuovo. Merda.

Lavo il pavimento senza altri (come se non fossero abbastanza questi appena accorsi) intoppi ed inizio a pulire il bagno. Alzandomi dal pavimento sbatto violentemente la testa sul lavandino in ceramica o quel cavolo che è e, sempre imprecando e sempre perchè sono una persona equilibrata, prendo a pugni il muro dal dolore allucinante.
A questo punto una persona normale capirebbe che è il caso di lasciar perdere le pulizie e mettersi davanti alla tv a guardare telenovelas, sperando che non inizino ad entrare locuste dalle fessure delle porte, ma forse proprio per effetto della violenta craniata finisco di pulire il bagno e mi dirigo al piano superiore: level two.

Incredibilmente la pulizia del piano superiore scorre liscia come l'olio, così prendo fiducia in me stessa ed al termine di tanto lavoro mi sento addosso abbastanza grinta da passare alla stiratura.
Preparo tutto l'occorrente e, mentre stiro t-shirt su t-shirt e mi chiedo come cavolo faccia FF, in una settimana composta di soli sette giorni, a sporcare quattordici t-shirt, ecco che accidentalmente il polso va a finire contro... la piastra rovente del ferro da stiro.
Per il primo secondo il cervello si rifiuta di percepire gli stimoli dolorosi e non sento nulla, poi realizzo dove si trova il mio polso ed impazzisco di dolore. Saltello fino a mettere il braccio intero sotto un getto di acqua fredda, poi spalmo dentifricio sulla bolla che si sta formando, secondo un antico rimedio imparato ad un campo scout, ma ci vogliono dieci minuti di lacrimoni ed imprecazioni perchè il tutto abbia un benchè minimo effetto.

Credete che a questo punto decida di chiudermi in un bunker fino al prossimo secolo? Macchè.
Stoicamente (o stupidamente?) finisco di stirare e decido di fare le cose per bene e svuotare anche i sette bidoni differenti di spazzatura che siamo costretti a separare (non ho ancora capito dove cavolo vada il tetrapack, così sistematicamente lo divido democraticamente tra i secchi della plastica, della carta e del secco). Cambio tutti i sacchetti e scendo i due piani di scale fino alla strada con indosso un praticissimo paio di zoccoli in legno tacco dieci, ovvero le prime calzature che mi capitano sotto mano frugando a casaccio nell'armadio in ingresso.
Lungo le scale mi cade il sacchetto del vetro ed una decina di bottiglie rotolano, con un rumore che vi lascio soltanto immaginare perchè non ci sono aggettivi sufficientemente rumorosi pe descriverlo (spero solo che alla prossima assemblea condominiale non deliberino che FF ed io ce ne dobbiamo andare), per due piani di scale. Merda, merda e stramerda.

Riesco a buttare i sacchetti, tutti e sette, nei rispettivi cassonetti e, mentre torno verso casa, un insetto, che a giudicare dall'entità del ronzio che sento nell'orecchio ancora malandato deve essere grande quanto un cincillà, mi si infila tra i capelli e ci si impiglia. L'insetto ronza impazzito, io, che aborro gli insetti in qualsiasi forma e colore si manifestino, saltello per la strada gridando, sotto gli sguardi attoniti dei vicini. Immaginatevi che quadretto e chiedetevi se voi vedendo una scena analoga non chiamereste uno bravo.
Proprio nel momento in cui l'insetto riesce a divincolarsi dai miei capelli ed a volare libero, mi capita una disgrazia che non mi capitava da quando avevo dieci anni: il mio piede destro cade dal tacco e la caviglia si piega dolorosamente in modo sbilenco.
Mi siedo con i lacrimoni sul marciapiede, massaggiandomi una caviglia che diventa sempre più gonfia. Sono troppo demoralizzata anche per imprecare. Ottima cosa, proprio, dal momento che domani partirò per trascorrere due giorni in montagna con gli amici ed il weekend prevede (tadààà!) che si vada a dormire in un rifugio in alta quota.

Mentre massaggio la caviglia, fisicamente malandata e psicologicamente esausta, penso a quanto sono sfigata, a quanto sono cretina ed a quanto sia chiaramente negata per i lavori domestici. Per l'ennesima volta nella mia breve vita penso anche a quanto sarà sfortunato un ipotetico figlio, quello che riuscirò come minimo a traumatizzare ed a trasformare in un serial killer prima del compimento del primo anno di vita. Sempre che ci arrivi vivo, al primo compleanno.

In questo momento sms da FF: "Stasera vengono a cena i miei colleghi. Arriviamo alle 20.30. Tu esci, vero?"
Certo che esco, come no. Esco di testa.
Quando si dice "tempismo perfetto".

La Redazione

19 commenti:

  1. Direi che è stata una giornata proprio sfortunata!
    Coraggio cara, buona serata!

    RispondiElimina
  2. Ahahahaha...succede a tutte (o almeno a me si...)!!! le tragedia è che ti sei quasi ammazzata per i suoi colleghi!!! buona serata e buon week end!

    RispondiElimina
  3. Direi che sei stata fortunata invece. Nelle prime righe parli di Mastrolindo e candeggina, ora non conosco la composizione del detersivo del pelato ma per buona sorte evidentemente non contiene ammoniaca, altrimenti mischiato all'ipoclorito di sodio avrebbe formato un gas altamente tossico bandito dalla Convenzione di Ginevra (Lancillotto si è astenuto) come arma chimica.
    Non sono specializzato nel trovare lati positivi ma impegnandomi per te ce l'ho fatta.
    Comunque tuo figlio sarà uno Spartano (cfr. 300) e FF saprà ricompensarti come meriti. Spero.
    Che la Forza sia con te.

    RispondiElimina
  4. @Ali: sì, questa giornata è stata un disastro. Ora sto mangiando una pizza con i colleghi di FF ma con tutto il rispetto non vedo l'ra di andare a nanna...
    Ero troppo stanca per cercare un'uscita per stasera.

    @Sulsecondobinario: è verissimo. Tuttavia FF è stato un tesoro e ha munito tutti di pratiche pattine! Che amore che è!

    @Insight: mai mettere assieme candeggina ed ammoniaca. Mai mettere assieme candeggina ed ammoniaca. Mai mettere assieme candeggina ed ammoniaca.
    Ok, me lo posso ricordare.
    Ma a proposito: mai mettere assieme cosa e cosa?

    RispondiElimina
  5. Ma dico io, non facevi meglio a startene in ufficio quelle 4 ore?? :D
    Va beh, so che ogni tanto le pulizie a fondo ci vogliono, sarà stata solo una tua giornata un pò più sfigata... perché se dovesse essere sempre così... 'na donna delle pulizie no eh?? :D

    RispondiElimina
  6. Avrei preferito anch'io starmene in ufficio...
    La donna delle pulizie per ora è off limits! E nelle giornate normali mi rilassa pure fare un po' di fatica in casa. Oggi decisamente no.

    RispondiElimina
  7. Le giornate no capitano a tutti! Mi sa che oggi per te lo era particolarmente! Riprenditi e... Buon week end montagnolo :)

    RispondiElimina
  8. Buon sabato "Redazione"...mi spiace per il piccolo incidente alla Caviglia, spero si risolva presto , con ghiaccio e bagni in acqua e sale...per il problema degli "acari"...ne soffre anche mia figlia ...su consiglio del pediatra allergologo..pulisco la casa e sopratutto la zona notte con acqua e poche gocce di eucalipto..ne trovi le piccole boccette anche negli ipermercati in zona candele e profuma ambienti...sopratutto per spolverare...usare il panno umido, mai asciutto perchè smuove a polvere invece dio eliminarla...auguroni per tutto...sereno week end..
    Dandelìon

    RispondiElimina
  9. o mio dio ... sembra proprio un venerdì 17, una di quelle giornate dove è meglio piazzarsi davanti alla tv e non fare niente, aspettando solo che la sera arrivi ... mannaggia! cmq ti dirò, a me non dispiace pulire, che centra, la casalinga disperata non la vorrei mai fare, però quando mi applico so ottenere dei buoni risultati :)
    buon week in montagna :) baci

    RispondiElimina
  10. @Claudia: grazie! Lo zaino è già pronto, ora si parte :-)

    @Dandelion: grazie infinite per i consigli! FF ha scoperto questa settimana questa allergia e siamo completamente impreparati ad affrontarla. Ogni consiglio è prezioso!

    @Francesca: si, anche qui il risultato è stato egregio. Ma con che sforzo...

    RispondiElimina
  11. Una tranquilla giornata di Paura direi... dai su...ritenta sarai più fortunata. Buon week end!!!

    RispondiElimina
  12. Oh gesù santo.
    Tutti questi avvenimenti dovrebbero essere spalmati in un anno, non in 4 ore XD

    Forza tesoro bella! :*

    RispondiElimina
  13. Coraggio, era solo una giornata no... a parte il ferro da stiro, non sai cosa combino io quando faccio le faccende...

    RispondiElimina
  14. Secondo me un figlio è un miracolo se arriva all'anno d'età!! Hahahaha
    Ok, battuta stronza che mi potevo risparmiare!

    Vuoi sapere cosa ci vedo di positivo? Cavolo sei una che non si arrende!
    Inoltre poteva andarti molto peggio, potevi farti male sul serio sbattendo la testa contro il lavandino, l'insetto avrebbe potuto pungerti in preda al panico e la caviglia poteva rompersi, vista così è stata una giornata fortunata! :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Solo un caloroso abbraccio.....di conforto.....
    Ma se il buongiorno si vede dal mattino....alla prima sfortuna......mollare tutto e scappare..
    Bacio
    Marta
    www.sospiridelcuore.blogspot.com

    RispondiElimina
  16. È inutile, quando un'impresa parte male, non ti dice nulla di buono... :)

    RispondiElimina
  17. ahahah Una giornatina di quelle...povera redazione.. Alla fine però ne sei uscita malconcia ma salva :)!!!
    P.S. la prossima volta che decidi di fare le grandi pulizie vai a comprare una bella armatura lucente ;)!
    Smack!

    RispondiElimina
  18. Insomma poteva andare meglio! ahahha! Ma va bene cosi!

    Complimenti per il tuo blog, è davvero molto bello!

    Ti seguo e spero ricambierai! :)

    sweetpinkmacaron.blogspot.com

    RispondiElimina
  19. Ahahahah! Scusa se rido ma è esilarante la giornata raccontata in questo modo!! :-P

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...