mercoledì 24 agosto 2011

Quando vestirsi di ridicolo diventa uno sport

Per ben tre settimane, tre, non ho frequentato la palestra.

A parte il fatto che non so se la seppur lievissima perdita di peso sia dovuta alla dieta che mi sto costringendo a fare, alla dissenteria che mi ha colpita al rientro dalla Turchia o più semplicemente al calo muscolare per la mancata attività fisica, in palestra ci dovevo tornare, assolutamente. Ho pagato un anno di abbonamento in anticipo, ricordiamo.
E poi vi mancavano troppo le mie figuracce sul runner, vero? Vi prego, almeno dite che vi mancavano, così diamo un senso a questa carrellata di ridicolo e mi sento un po' meno sfigata.

Lunedì sera vado in palestra.
In Turchia avevo acquistato, giusto per rendere più gradevole la ripresa degli allenamenti, un bellissimo paio di pantaloni tutti fitness simil Adidas neri e rosa. Quando li avevo infilati nel borsone mi ero sentita fichissima. Forse avrei dovuto provarli prima di acquistarli, dato che alla prova indosso il mio lato B risulta leggermente... come dire... "deformato", ma non rimango a sottilizzare sull'argomento e mi fiondo sul runner ripetendo il mantra "500 calorie, 500 calorie, 500 calorie...".
Solo una pulce nell'orecchio prima di entrare in sala cardio: "ma proprio oggi dovevo mettere il reggiseno senza spalline? Massì, mica ho novantanni e due borse dell'acqua calda sgonfie da reggere! Me lo posso ancora permettere!". Non sono una di quelle che in palestra indossano reggiseni superfitness per incementare il decoltè allo sterno.
Infilo gli auricolari ed inizio a correre.

Gesù, quanto mi mancava l'allenamento! La sensazione di espellere tutte le impurità assieme alle fiumane di sudore che mi escono da tutti i pori, i video stupidi su youtube mentre corro, indovinare che cavolo staranno facendo quelli di Paint Your Life trasmesso in loop su maxischermi senza audio...
Mi godo questa sensazione per circa 250 calorie finchè vedo che... passa un ragazzo guardandomi strano.
Inizialmente penso sia per via dei pantaloni, che a dirla tutta, ora che li riguardo, non mi stanno poi così bene.
Mi riconcentro su Paint Your Life. Passa un altro ragazzo e... mi guarda malissimo.
Forse questi pantaloni mi stanno peggio di quanto mi possa rendere conto. Forse questi pantaloni sono i peggiori pantaloni della storia, anzi sono così orribili che il mio cervello si rifiuta di farmi vedere quanto io sia realmente cessa in questo momento.

Vedo sbucare da un angolo un caro amico di FF, che visita la palestra assieme al trainer (il quale, tra parentesi, non mi ha più chiesto di uscire, per motivi che non so per certo ma che non faccio alcuna fatica ad immaginare).
Abbandono il runner e gli corro incontro. L'amico di FF mi saluta calorosamente ma... il trainer mi guarda malissimo ed a stento mi saluta. Io mi limito a pensare "gli uomini non sanno proprio accettare un no come risposta" e non me ne curo. Non faccio nemmeno in tempo a decantare i pregi della palestra all'amico di FF che il trainer lo rapisce per continuare il tour e carpirgli un abbonamento annuale pagato in anticipo.
"Che cafone", penso spavalda.

Torno sul runner e mi riconcentro sul labiale di Paint Your Life, finchè lo sguardo dei passanti diventa troppo pesante per essere ignorato.
"€[[h€[[@##°, ma che hanno tutti da guardare?!?!". Poi, all'improvviso, un angosciante dejà vu. Eh no, signori, non sono mica così stupida da ricascarci due volte! Io sono come i cerini: a me nessuno mi frega due volte, chiaro? Pensato questo tolgo con cipiglio battagliero gli auricolari dalle orecchie per evitare, come mi capitò qualche tempo addietro, di improvvisarmi inconsciamente soprano solista nel silenzio della palestra, con il solo accompagnamento di un ipod sentito ovviamente solo dalla sottoscritta.
Continuo a correre soddisfatta, schiena dritta e petto in fuori, ma senza l'effetto dopante della musica non è la stessa cosa.

Ben presto mi stanco di correre in queste condizioni e decido di spostarmi nella zona addominali per buttare giù un po' di kebab accumulati durante le ferie.
Stendo l'asciugamano sulla panca, mi ci sdraio sopra a pancia in su, mi guardo l'addominale quasi a dirgli "goditi i tuoi ultimi istanti di vita, lardo della malora!", ma l'insulto alla mia stessa ciccia mi muore in gola.
"Nooo, non è possibile. Nooo, non sta succedendo a me".
Mi guardo attorno e vedo che anche il mio vicino di panca mi sta osservando con aria tra il confuso e l'incredulo. Invece di arrabbiarmi o di pensare che sia un cafone, rilancio di un risolino isterico, scatto in piedi, afferro l'asciugamano e corro verso lo spogliatoio delle donne, con la precisa intenzione di barricarmi dentro un armadietto minuscolo stile Houdini e rimanerci fino al giorno del giudizio.

Indossavo infatti una bellissima canottiera rosa sfiancata, la mia preferita, ed il mio magnifico reggiseno senza spalline era sceso ad altezza ombelico.
Credo fosse accaduto già alle prime 10 calorie.

La Redazione

23 commenti:

  1. Ahahahahah!!!
    Scusa ma... ossignore che ridere!! Ahahahahahha!
    Ma non ci sono specchi nella tua palestra?
    Vedo che faccio bene io a corre sul mio runner a casa!!
    Dai su che i tuo compagni di palestra se lo saranno già dimenticato.. forse! :-D

    RispondiElimina
  2. Eh, qui scende in campo la malattia mentale. Mi metto sempre sullo stesso runner, lontano dagli specchi, dal quale riesco a vedere la mia auto parcheggiata di sotto ed a controllare che i motorini non ci vadano contro.
    Ma sarò malata?
    Comunque qualcosa mi dice che la scena non verrà dimenticata così presto e potrei essere ricordata come "la ragazza dal reggiseno ombelicale".

    RispondiElimina
  3. Dio che ridere! ho riso di gusto per tutto il tempo del post sapendo già come andava a finire! tu devi assolutamente continuare ad andare in palestra perchè ci regali dei momenti di ilarità pura! :)
    Però spezzo una lancia in tuo favore dicendo che poi quando sei uscita eri proprio splendida...una vera signorina :)

    RispondiElimina
  4. Grazie, grazie, grazie per aver dato un senso a queste figuracce!
    Grazie, grazie, grazie per aver detto che poi sembravo una vera signorina! Eppure ero anche col reggiseno senza spalline (ma con un vestito progettato a posta per sostenerlo).
    E tranquilla, ci andrò ancora per moooooolto tempo, visto che ormai è pagata per mooooolto tempo...

    RispondiElimina
  5. Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahahahahahahahahahahahah!
    Sono mortaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!! Oddio che figura di merdaaaaaaa!!!
    Cioè, non sto ridendo di te ovviamente..ma della scena davvero esilarante che il mio cervella ha ricreato leggendo questo simpatico aneddoto!!!

    Smack! :)

    RispondiElimina
  6. FA-VO-LO-SA..... ma dai non preoccuparti, sono talmente pieni di se molti uomini in palestra che sicuramente hanno anche la memoria corta!!!!
    P.S.: L'importante è che la prossima volta che vai, fai esattamente finta di non essere tu quella della volta precedente!!!

    RispondiElimina
  7. @Francesca: ti adoro per avere avuto la gentilezza di dire che non stavi ridendo di me :-)
    Ma in effetti ce n'è da ridere... Hai voglia...

    @Passionexiviaggi: la palestra che frequento è piena di uomini con l'ego gonfiato dagli steroidi!
    Tu dici quindi che posso far finta di niente e non entrare nel programma di protezione testimoni?

    RispondiElimina
  8. la cosa positiva è che le persone nonostante queste figure ti continueranno a vedere in palestra e penseranno "però vedi te, non si abbatte e torna a testa alta!" non sapendo invece che ormai hai pagato 1 anno di palestra! :D dai ti prendo un pò in giro, ma sei sempre esilarante nei tuoi racconti, sono sicura che ti è servita di lezione e la prossima volta avrai minimo 3 reggiseni sportivi uno sopra l'altro!
    M.

    RispondiElimina
  9. Certo! Mi procurerò un reggiseno d'assalto antisfondamento!
    Purtroppo però succederà qualcos'altro. Lo so, lo sento, mi conosco!

    RispondiElimina
  10. ahahahahahahhaha....non ci posso credere...mi fanno male gli addominali...hahahahaa...la prossima volta meglio scegliere il runner vicino allo specchio!
    P.S. Alcuni uomini non dimenticano...io ad esempio ci avrei scritto un post! :D
    Complimenti ancora per il post!

    RispondiElimina
  11. Poveretta!!!! mi dispiace ma mi hai fatto morire!!!! Ma ora oltre il reggiseno cambi anche palestra?bacio...

    RispondiElimina
  12. Ma neanche uno sconticino per lo spettacolo di lapdance?
    Che so, un Gatorade per il marketing virale.
    Già mi immagino "ehi, ma lo sai che nella palestra XYZ c'è una gnocca che corre con le poppe di fuori?"
    "ah si? Vado ad iscrivermi subito!"
    Io non mi stupirei di un incremento nel fatturato.

    RispondiElimina
  13. fantastica! ma solo per l'idea di andare in palestra senza spalline... ma come ti viene??????
    mi hai fatto morire!
    ti terrò come mantra quando quest'inverno tenterò, per l'ennesima volta di riprendere la palestra
    :D

    RispondiElimina
  14. Ahahahahah!!!
    Ma proprio non avevi sentito nulla mentre scendeva????

    RispondiElimina
  15. Cara redazione, è proprio bello collezionare queste figuracce, non è vero? Domani si avrà di che ridere, almeno!!

    RispondiElimina
  16. ahahahh che ridere...fa niente!anch'io ho fatto una figuraccia simile al mare...ma che potevo fare??ho fatto l'indifferente sebbene mezza spiaggia ha visto il mio decoltè, e a differenza tua, senza maglietta! ;)

    RispondiElimina
  17. Ciao,
    da settembre anch'io riprenderò ad andare in palestra dopo due mesi di pausa estiva.... starò attenta ad evitare reggiseni senza spalline! Del resto la figura di cantare ad alta voce con gli auricolari l'ho fatta anch'io come te!! Tutti mi guardavano e ridevano!
    Sei davvero simpaticissima...
    ah, volevo dirti che, nel mio caso, non hanno dimenticato!!! :-))))

    RispondiElimina
  18. .... giusto. Tu fa finta di essere la tua controfigura.... ma quella figa che quando va in palestra fa girare tutti gli steroidi così forte che alla fine gli uomini restano imbambolati!!!!

    RispondiElimina
  19. Un corollario della Legge di Murphy dice: donna se decidi di mettere il reggiseno a fascia, automaticamente vivrai con l’angoscia e il risultato è che questo si affloscia………………

    ciao Taccodieci.....sto a morì dalle risate..............

    con simpatia Laura Inglima

    RispondiElimina
  20. Nuooooooooooo, cazzo Redaz vedi cosa succede a voler controllare la macchina??? :D

    RispondiElimina
  21. o come mai non ti avevo ancora commentato? cmq sei la meglio ... :P potresti scrivere le tue disavventure sui pro e i contro dell'andare in palestra e farlo con molta nonchalance [ma si scrive così???] :)
    baci

    RispondiElimina
  22. Per chi se lo è chiesto: no, non ho sentito il reggiseno scendere. Non è che vado in giro abotulmente con i reggiseni stile pearcing all'ombelico... E' che fortunatamente ciò che deve stare su sta su da solo, grazie ad una fortunata combinazione tra età (sono giovanissssssima) e fisico da nuotatrice (detta anche: il golem).
    In ogni caso, sappiate che se le mie avventure in palestra vi piacciono, accetto prenotazioni per coprire anche l'abbonamento dell'anno prossimo :-)
    Sempre che non ci pensino direttamente quelli della palestra, a rendermi abbonata "ad honorem". Credo in effetti che frequentare la palestra con me debba essere divertente.

    @MichiVolo: che figuraaaaa!!! A me è capitatro sul toboga. All'inizio avevo un bikini, ma quando sono arrivata giù avevo solo gli slip. Il reggiseno era rimasto a metà scivolo.
    Sono corsa nello spogliatoio mentre mio fratello recuperava l'indumento! Non lo scorderò mai... E non sono mai più tornata in quel parco acquatico...

    RispondiElimina
  23. Non entravo qui da troppo tempo.. ma mica mi ero dimenticata delle tue (dis)avventure in palestra. E il modo in cui le racconti.. mamma mia..mi sembrava di rivedere la scena.. vabbè potresti lanciare una nuova moda.. :D

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...