lunedì 26 settembre 2011

Troppo vecchia e borghese per la musica

Per chi ha gradito il WWWHHHOOOMMM dello scorso post...
-------
Sms da Ali sabato: "usciamo dopo cena?".
Mia risposta: "certo! Idee?".
Sms da Ali: "vedi tu...".
Mia risposta: "cerco un locale carino dove qualcuno suoni dal vivo?".
Sms da Ali: "fatta".
Mi metto al pc e cerco come una pazza dove suonino i miei gruppi cover preferiti. Niente. Niente di niente.
Non so come funzioni dalle vostre parti, ma da queste, dal momento che evidentemente il sabato già si guadagna bene indipendentemente dalla serata proposta, i gruppi cover suonano essenzialmente durante la settimana o al massimo il venerdì sera, ovvero quando io, Redaz anzianotta, sono troppo stanca per trascinarmi fino ad un tavolino all'esterno di casa perfino per attaccarmi ad una birra.
Niente, in rete non c'è un tubo.

Ci troviamo con Ali e BF (BoyFriend) ed El e HBF (HistoricalBoyFriend) all'orario prefissato.
- Hey, che si fa? Trovato qualche locale con musica dal vivo?
- Macchè. Nada.
- Vabbè dai... Dove possiamo andare?
- Andiamo al Pub Vicino? Così facciamo due chiacchiere! E' una vita che non ci vediamo tutti e sei!
- Hai ragione, andiamo al Pub Vicino, dove siamo sicuri di non trovare concerti di musica strana... Hai controllato, Redaz?
- Eccerto!!!!
Rispondo io con l'aria più rassicurante della terra a FF, che in linea di principio detesta la musica dal vivo a meno che non sia lui a scegliere band e locale.
Credetemi, mentre lo dico sono sicurissima di aver verificato anche la situazione di Pub Vicino e di aver constatato con rammarico l'assoluta assenza di note live.

Entriamo nel Pub Vicino.
- Hey, ma ci sono strumenti sul palco!
Merda.
La chitarra ed il basso sono poggiati sui supporti, i cavi sono ovunque sul pavimento e quella che sbuca da dietro quella balaustra ha tutta l'aria di essere una batteria. Mi guardo attorno: Pub Vicino è strapieno di strani personaggi con i jeans stretti al limite della sterilità, i capelli lunghi ed incolti e magliette di Kiss e Motorhead.
Ci sono tutti gli ingredienti di una serata live.
Incrocio lo sguardo di disapprovazione di FF. Cerco di lanciargli uno sguardo pietoso accompagnato da un sorrisino tirato, che dica "ti giuro che ero strasicura che non ci fosse nessuno qui a suonare, tantomeno qualcuno che sembra metal", ma non funziona. FF e gli altri già si stanno guardando attorno alla ricerca di un tavolo libero.
Anch'io mi guardo attorno ed il primo pensiero che mi viene in mente è "ma che [@##° ci faccio io, con la mia mini, i miei tacchi, i miei capelli corti ma stirati, il mio trucco da brava ragazza, le mie unghie violette in mezzo a questa gente?". Oddio, dovevamo proprio sembrare due alieni. E pensare che fino a pochi anni fa io mi sarei sembrata un'aliena, ad entrare in un locale ridotta come una brava ragazza acqua e sapone!

I miei amici indicano un tavolo libero, o meglio, quello che sembra essere l'ultimo tavolo libero sulla faccia della terra. Ci fiondiamo, giusto perchè non ci va di cambiare locale e fare chilometri alla ricerca di un altro Tavolo Libero.
Ora, se l'unico tavolo libero è a venti centimetri da un amplificatore grande quanto un elefante e nemmeno i genitori dei musicisti, con tutto il bene che devono loro volere, hanno pensato di occuparlo, ci sarà un motivo, no?
Noi, stupidi, ci sediamo comunque e ordiniamo da bere. Ali che non ha cenato e FF che è goloso ordinano pure qualche stuzzichino.

La serata procede con noi che chiacchieriamo felici per... circa dieci minuti. Poi i musicisti salgono sul palco. Incuriositi noi li guardiamo ed attendiamo le prime note. Chissà che musica sarà...
- Buonasera Pub Vicino.... Noi siamo i CacofoniciTarantolati! Yeaaaahhhhh!!!!
E BSMASBAMSBAMSDEONGRATATATATUMPENBENGAAAAAHHHHHHH!

La peggior musica della storia! Un gatto scannato da un cane con la rabbia amplificato all'ennesima potenza!

BSMASBAMSBAMSDEONGRATATATATUMPENBENGAAAAAHHHHHHH!

Il cantante, anche lui con pantaloni stretti al limite della sterilità ed occhiali da sole alla Jim Morrison (ma da che [@##° ti devi proteggere la vista di notte dentro ad un locale?!?!?) si gira dando le spalle al pubblico e si lancia nella sculettata più imbarazzante della storia durante un assolo di chitarra.
Le mie amiche ed io ci guardiamo allucinate.
Ogni volta che lo sculettatore posseduto urla la lettera "A" è come se mi si piantasse una fiocina nel cervello e giuro che dopo solo qualche secondo di quella cosa indescrivibile a decibel che non esistono nemmeno strumenti di misura per quantificare, mi sentivo la testa girare e credevo di stramazzare con la faccia sul tavolo, annegando con il naso affondato in un Americano.

BSMASBAMSBAMSDEONGRATATATATUMPENBENGAAAAAHHHHHHH!

Noi cerchiamo di dirci qualcosa, ma è impossibile. Capisco solo che Ele mi dice "leggi il mio labiale", ma le parole successive sono bestemmie o non le capisco.
Impossibile comunicare. Impossibile connettere con l'ampli attaccato all'orecchio destro ed il cervello dentro ad un microonde.
Colta da un lampo di genio tiro fuori dalla borsa una penna e scrivo sul retro dello scontrino "SCAPPIAMO?!?!?". Passo agli altri il foglietto, speranzosa. Ali, sfortunatamente, ci scrive sotto "ASPETTIAMO CHE ARRIVI IL CIBO".
Merda, deve ancora arrivare il cibo.

I minuti successivi entrano ben presto nella top five dei minuti più lunghi e angoscianti della mia vita.

BSMASBAMSBAMSDEONGRATATATATUMPENBENGAAAAAHHHHHHH!

Da un momento all'altro ho la percezione di svenire. I miei amici ed io ci guardiamo negli occhi senza capirci nemmeno con lo sguardo, abbiamo i cervelli fritti, sento il mio cervello che frigge perchè quella non è musica, quella è una maledetta tortura nazista rimaneggiata da ragazzini borderline.
Sembra un miraggio la cameriera che arriva portando gli stuzzichini.
Ci ingozziamo, tutti contribuiscono a terminare il cibo per finirlo il più velocemente possibile, come se non ingurgitassimo nulla di solido da settimane. Mangiamo così, avidamente, come bestie, e quando abbiamo finito riprendo lo scontrino e ci scrivo "ADESSO SCAPPIAMO?". Sempre Ali che risponde "ASPETTIAMO CHE FINISCA LA CANZONE". La guardo diperata, implorando con gli occhi "ma che [@##° ti ho fatto? Sei fuori di testa?".
Niente, gli altri sono già di nuovo persi nella cacofonia infernale.

BSMASBAMSBAMSDEONGRATATATATUMPENBENGAAAAAHHHHHHH!

Non appena il rumore cessa per un secondo, con un fischio fastidiosissimo nei timpani, sfidiamo le vertigini e ci alziamo, volando letteralmente fuori dal locale prima che la ripresa della musica ci sorprenda strada facendo e cadiamo a terra come sacchi di patate.
Aaaahhhh! Aria fresca!
Ci vuole un po' prima che riusciamo a metterci alla guida. Respiriamo a pieni polmoni, mentre da dentro si sente ancora l'inferno, reso più sopportabile dalle spesse pareti fonoassorbenti che ci separano.
Non posso non pensare a quanto mi sono imborghesita: un tempo certe serate me le mangiavo a colazione...

La Redazione

20 commenti:

  1. Va beh, ma se la musica era oscena nessuno avrebbe resistito!

    XD

    RispondiElimina
  2. L'ho letto ieri notte prima di addormentarmi e avrei detto di farmela addosso! :) socia complimenti per la tipina! è eccezionale in questa immagine :)

    RispondiElimina
  3. @Fil: si, la musica faceva schifo. Anche se, a dirla tutta, non sono nemmeno certa facesse così schifo. Secondo me era troppo alta anche per capire che cavolo di musica fosse!

    @Dani: grazie :-) Detto da te è un gran complimento! Grazie davvero!
    Detto da chi fa delle magliette stupende... Oddio socia, arrivano domani sera! Ce ne avrò tra le mani in cotone e stampe! Figatissima!

    RispondiElimina
  4. La prossima volta una pizzetta eh!

    RispondiElimina
  5. Ma sai che anch'io una volta me le gustavo queste seratine? Sarà l'età?? @_@ Però la musica dev'essere musica, non CHIASSO!!!!!

    RispondiElimina
  6. Oddio, nemmeno io avrei rsistito a una serata del genere!!

    RispondiElimina
  7. Ahahahahah, finale geniale!
    Quando ho letto "Aria fresca" mi son fatta una mega risata! Hai reso benissimo l'idea!

    RispondiElimina
  8. ah ah ah ... Oh mio Dio ... addirittura imborghesita? ma lo sai che io provo le stesse sensazioni tue quando mi portano in una discoteca? e pensare che prima ero proprio una fanatica della discoteca e dell'andare a ballare ogni fine settimana. Comunque almeno potrai parlarne come una di quelle serate che non dimenticherai mai ... se in negativo o in positivo non si sa, questo è solo un dettaglio. :P smack

    RispondiElimina
  9. ahahah Già.. ma quando è successo? quando siamo diventate amene all'URLO ASSASSINO???
    Comunque dio come si fa a tenere la musica così alta e dai!!! @_@ hai tutta la mia approvazione viva i locali con musica soft e meglio se jazz!

    RispondiElimina
  10. come fai i rumori tu, nessuno!
    p.s. non è che ti sei imborghesita, al massimo credo che i timpani dopo un certo periodo di tortura, iniziano a rifiutare il fracasso e non sopportare più certe "musiche". xD
    M.

    RispondiElimina
  11. Se scassa i timpani e infastidisce non è musica!
    D'ora in poi i tuoi amici non si affideranno più a te per la scelta del locale, mi sa!!!

    ciaoooooooooooo

    RispondiElimina
  12. odio i gruppi cover, e pure io non sopporto più la musica dal vivo, e dire che suono la batteria e li faccio i live(no cover of course!)...

    una curiosità, ma che suonavano?
    ciaoooo

    RispondiElimina
  13. ehm...io sono la voce fuori dal coro, perché per me lo sbidibengabumdabumbangbum sarebbe stata la serata perfetta, anche con i CATARROTONIA (i cugini dei tizi che hanno suonato!) :P

    RispondiElimina
  14. hahahahha Redaz mi deludi, ti voglio più fucking rock!! :D

    RispondiElimina
  15. @secondotempo: la prossima volta film a casa nostra...

    @Chiaretta: anche tu ricordi un tempo in cui la musica (o chiasso che fosse) non ti dava fastidio? Non dico che andassi pazza per qualsiasi cosa, ma almeno non rischiavi di stramazzare... Sarà l'età...

    @Alice: grazie, mi fai sentire normale...

    @Adriana: sì, ho scritto aria fresca perchè nel locale c'era pure una certa aria viziata.

    @Francesca: non sono mai stata fanatica della discoteca, ci sono sempre andata sotto minaccia di morte, ma credo sia esattamente la stessa cosa!

    @Marianna: mi sa che hai ragione. In effetti da un po' di tempo a questa parte ho lasciato da parte alcuni generi e sto preferendo il jazz.

    @M.: che sia dovuto al fatto che, a suo tempo i miei timpani li ho fracassati ben bene?

    @Rita: noo, era musica, confermo. Un genere particolare, ma musica comunque. Musica che un tempo mi sarebbe perfino piaciuta!
    Lo sculettamento del cantante era l'unico dettaglio veramente osceno...

    @Poppy: suoni la batteria e odi i gruppi cover?
    Il gruppo di sabato sera faceva cover miste, tra cui anche qualcosa dei Guns. Peccato ci abbia messo qualche minuto prima di riuscire a capire che erano loro!

    @Il_cesco_: sarei curiosissima di ascoltare i CATARROTONIA! Chi sono? Ecco, magari non con l'amplificatore utilizzato come auricolare.

    RispondiElimina
  16. @Cosmo: ma io lo sono! Giuro che lo sono! Beh, lo sono quanto può esserlo una PinkBlogger non più in età da emo...

    RispondiElimina
  17. i CATARROTONIA sarà difficile ascoltarli, ma se vuoi deprimerti ascolta i KATATONIA oppure se vuoi spaccarti i sempreverdi SLIPKNOT :)

    RispondiElimina
  18. @Cosmo: grazie :-)

    @Il_cesco: Mi sa che... Oddio, sei sicuro che vuoi che li ascolti?!?!?

    RispondiElimina
  19. No, no, non ti costringerò ;) (PS: a domani con l'ora della verità...l'altra volta non ce l'ho fatta a collegarmi!)

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...