domenica 19 febbraio 2012

La farfalla di Belen per il rilancio dell'economia

Per ventiquattro ore, dopo che Belen Rodriguez aveva mostrato la farfallina sul palco dell'Ariston, il mondo è rimasto con il fiato sospeso: ma Belen porta o non porta le mutande?
C'è di che uscire di testa, se ci pensate bene.
Per una intera giornata in radio e sul web non si è parlato d'altro. La questione era di rilevanza nazionale: Belen indossava o non indossava queste benedette mutande?

I sostenitori del "no" sottolineavano il fatto che non si vedesse alcuno spago, alcuna fascetta ad altezza anca. Di qui l'impossibilità di indossare una mutanda senza un sostegno in questa zona.
I sostenitori del "sì" hanno effettuato, con potenti mezzi, un ingrandimento della farfallina in questione (anche se, secondo me, l'ingrandimento della farfallina aveva poco a che fare con questo fine scientifico) ed hanno constatato l'esistenza (con una certa dose di disappunto) di un pezzo striminzito di materiale accanto al tatuaggio.
Ebbene sì: Belen indossava le mutandine e possiamo tornare a dormire sonni tranquilli.


Ma non un paio di mutandine qualsiasi, di quelle canoniche, per intenderci. E nemmeno una mutanda senza cuciture. Per non parlare poi del perizoma, che risulta superato come il Commodore64 degli slip.
Belen indossava nientemeno che uno "strapless panty", uno speciale nude-slip prodotto dall'azienda americana Shibue Couture.

Accadde che qualche anno fa l'oggi Amministratore Delegato della Shibue Couture, Jenny Buettiner, dovesse presenziare al matrimonio della sorella indossando un abito che assolutamente non lasciava spazio per le mutande (come ciò sia possibile, francamente lo ignoro). Di qui l'idea di creare un nude-slip sorretto da fasce adesive e successivamente la fondazione della società.
Oggi è possibile acquistare gli strapless panty online, direttamente dal sito della Shibue Couture, al prezzo di $16 alla confezione. In Italia ci sono solamente due negozi dove trovare l'articolo, entrambi a Venezia.

Gira voce che la prima italiana ad indossare pubblicamente gli strapless panty sia stata nientemeno che Elisabetta Canalis, in occasione della campagna pubblicitaria della PETA (People for the Ethical Treatment of Animals, la maggiore associazione americana per la protezione degli animali), il cui slogan era "meglio nuda che con una pelliccia addosso".
In quell'occasione, tuttavia, l'immagine era tale per cui a nessuno venne alcun dubbio sull'esistenza o meno delle mutande.


Non so esattamente quanto successo commerciale abbia avuto fino a giovedì scorso questo ritrovato dell'intimo, ma da quando in tv Belen ha sfoggiato gli strapless panty, gli ordini dall'Italia di quello che deve essere uno degli indumenti più scomodi mai esistiti sulla faccia della terra si sono moltiplicati.
"Non sapevo che i miei slip sarebbero stati usati e non conosco personalmente Belen, ma ero certa che qualcosa fosse successo: gli ordini dall’Italia si sono moltiplicati e mi hanno contattata persone interessate a distribuire i miei prodotti". A parlare è Jenny Buettiner: "sono stupefatta e sbalordita".

Qualcuno dovrebbe spiegare alla Buettiner che in Italia funziona così, ovvero una donna famosa, possibilmente bellissima, indossa qualcosa e tutte le corriamo dietro. Non c'è nulla di cui sbalordirsi.
Ci capita di desiderare vestiti costosissimi che ci fanno sembrare delle navi da crociera incagliate, sandali (anche in pieno inverno) con inserti in Swarovski, ma se di solito ciò che vediamo addosso alle supermodelle ed alle veline costa decisamente troppo per le nostre tasche, stavolta lo strapless panty è abbordabilissimo: con solo $16 possiamo avere la farfallina come quella di Belen!
Non importa quanto siano effettivamente comodi questi strapless panty, non importa con che cosa li indosseremo, non importa se saremo da ricovero ad andare al mercato con una gonna che ce li faccia mettere in mostra: noi ci sentiremo come Belen ed il nostro ego ne sarà saziato fino al prossimo Festival di San Remo (che non guarderemo neanche morte, ma criticheremo in tempo reale su Twitter).

Gli uomini non abbiano nulla da temere: il capo di biancheria intima più ricercato delle ultime 72 ore esiste anche in versione maschile.
Chissà quale divo del mondo dello spettacolo ce lo farà intravvedere e ne farà decollare le vendite...

Ecco quindi svelati contemporaneamente l'arcano delle mutande di Belen e la formula magica per far decollare l'economia. Peccato solo che la Shibue Couture non sia italiana.

La Redazione

17 commenti:

  1. questo articolo è fortissimo ;D

    RispondiElimina
  2. Pensa se si scopriva invece che era senza... I negozi di intimo non avrebbero più venduto mutande!!!

    RispondiElimina
  3. Ora posso dormire sonni tranquilli... XD

    Sognatrice
    a bordo

    RispondiElimina
  4. grazie grazie e ancora grazie, per giorni i mieie pensieri sono stati tutti in un'unica direzione ed ora tu mi hai illuminato!
    ps ma non sarebbe molto più facile non portarle proprio le mutande?

    RispondiElimina
  5. @Queen B: grazie!

    @LoveIs: si, sarebbe stata una potenziale catastrofe!

    @Sognatriceabordo: eh, immagino l'ansia che ti era presa... :-)

    @Laura: anche tu non riuscivi proprio a pensare ad altro? Eh, immagino... E' stata durissima, ma dopo tante ricerche sono riuscita a venirne a capo e ho deciso di condividere con il mondo questa importante scoperta.
    Ma in che senso sarebbe più comodo non portare le mutande? Io penso che sarebbe più comodo invece mettere uno spacco di dieci centimetri più corto e potersi permettere una mutanda normale...

    RispondiElimina
  6. Lo voglio ... :-), ma anche no!

    RispondiElimina
  7. Sarei curiosa di vedere la versione maschile...anzi no ho cambiato idea!!
    Grazie per l'articolo,ora mi attaccherò al telefono e cercherò incessantemente di contattare questa utilissima azienda ;)

    RispondiElimina
  8. Però io sabato ho seguito un'intervista allo stilista dell'abito che invece ha dichiarato che il vestito di Belen o meglio la parte mutandata del vestito era effetto Body, in pratica era un tutt'uno con l'abito... boh...chi l'avrà detta giusta???
    Un super bacio

    RispondiElimina
  9. Interessanti da provare con il ciclo...

    RispondiElimina
  10. REDAZ!!! e mi lasci così senza sapere dove acquistarle?!?! indirizzo? Numero di telefono!!!

    RispondiElimina
  11. ... mah....
    Rocco Siffredi diceva: "la patatina tira..." e l'hanno censurato.
    Ora una farfalla è in prima serata su Rai1.
    Trova l'errore.

    RispondiElimina
  12. @OldMan: facendo delle serissime ricerche per scrivere questo post, mi sono imbattuta nell'oggetto in versione maschile. Mi ha fatto orrore solo guardarlo. Non deve essere scomodo, di più. E deve essere ridicolo da morire... Soprattutto nella versione zebrata!

    @Eva: ce l'hai fatta a contattare l'azienda? No, perchè stavo pensando di diventare anch'io distributrice ufficiale... Ahahahah!
    Oddio, spero solo che questo delirio duri poco.

    @Mammola: oddio, tu mi confondi nuovamente! Ora non potrò che rimettermi alla ricerca del body perduto!
    In ogni caso sarebbe proprio ancora più divertente che ci fossero decine di donne alla ricerca dell'intimo più scomodo della storia senza che Belen si fosse nemmeno presa la briga di dare l'esempio...

    @Alice: sai che potrei morire di schifo solo immaginando la scena, vero?

    @Scleros: ma certo cara! Segui il link nel post ed arriverai direttamente allo store online. Purtroppo i negozi di Venezia hanno già venduto i DUE (!!!) esemplari (giuro, lo hanno scritto davvero in un articolo) che avevano a disposizione e stanno attendendo rifornimenti da oltre oceano. Ce la faremo ad attendere la FedEx o ci metteremo a ritagliare post-it per ricavarne mutande autoreggenti?

    @Insight: Rocco diceva esplicitamente "patatina". A ben "guardare", Belen non ha detto nulla...

    RispondiElimina
  13. vale più una immagine che cento parole :-)

    Zebrato? peccato, io indosso solo intimo leopardato :-(

    RispondiElimina
  14. Se potessi ti posterei l'immagine qui... Aspetta che ti trovo il link ad uno store online: http://www.alibaba.com/showroom/c--string-for-men.html

    RispondiElimina
  15. hai proprio ragione, non si può guardare neanche indosso a Brad Pitt (io non potrei essere guardato a prescindere :-))

    RispondiElimina
  16. Mia nonna non concependo l'uso di siffatta specie di intimo è ancora convinta non portasse nulla. Oltre a questo è incavolata come una biscia con Celentano. Ogni 5 minuti viene da me e mi dice di non azzardarmi mai a parlare male della chiesa senza mutandine. Penso abbia fatto un'ottima sintesi del festival.

    RispondiElimina
  17. vorrei vedere la versione maschile metti una foto

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...