sabato 12 maggio 2012

L'infame scherzo del cesso pubblico



Io adoro Milano ed ogni volta è una grande gioia doverci andare per lavoro.
Anche se sono impegnata in qualche supermegameeting, anche se, come oggi, vengo colta da un supermega attacco di allergia, inizio a lacrimare e mi cola il trucco su tutta la faccia (ma solo da un occhio, come una psicopatica doc), trovo sempre il tempo per fare dello shopping. Mi brillano gli occhi (e anche se a questo punto mi lacrimano pure me ne infischio con un sonoro "chissene") guardando i negozi pieni di meraviglie.
Ora, mentre vi parlo, sono seduta su di un comodo Frecciabianca, con ai miei piedi una shopper contenente un bellissimo tubino in lino bianco con fantasia floreale azzurra: un ammore!

Ora, mentre vi parlo, però, il mio culo è anche bagnato, su di questo comodo sedile di moquette.
Sì, perchè oggi non siamo qui per parlare di shopping e di vestiti: oggi siamo qui per parlare di cessi pubblici.

Non so chi abbia inventato la storia che i biglietti del Frecciabianca non si possano cambiare. Fatto sta che, grazie a questa allegra trovata, la mia attesa in stazione centrale era di oltre un'ora, in attesa del treno prenotato.
Sono arrivata in stazione così presto perchè, giusto per mandare un messaggio a Dani, Alice, ma soprattutto a quella donna di poca fede di Cosmogirl, sono diventata ufficialmente un asso della metro. Ormai mi mangio le linee in un sol boccone ed in pochi minuti sono in grado di andare da un punto A ad un punto B in assoluta disinvoltura.

Ma torniamo ai cessi pubblici.
Ora, come potete immaginare, in un'ora di assoluta noia (non ho portato con me neppure un libro per riuscire a fare stare il pc nella borsetta), capita che si possa sentire un certo stimolo alla vescica. Circolano un sacco di storie assolutamente schifose sui bagni delle stazioni, ma quando ci vogliono ci vogliono.
Mi metto quindi alla ricerca del cesso perduto. Per prima cosa verifico se il mio biglietto mi permetta di accedere all'ambito "Freccia Club" ed al suo suppongo meno frequentato cesso, ma scopro che un qualsiasi biglietto per una qualsiasi freccia non è sufficiente: hai diritto ad un posto a sedere in una sala d'attesa e ad un cesso semipulito solo con l'acquisto di un biglietto di un certo livello. Un biglietto che chiaramente al mio mangia i risi in testa.
Vago disperata per almeno venti minuti alla ricerca del cesso riservato alle povere pezzenti come me.
Ora: o io sono più tonta di quello che supponevo, oppure ai tizi della stazione centrale piace giocare a nascondino. Il cesso sta dietro ad un sit in di protesta, nascosto da manifesti e manifestanti incazzati. Vi si accede attraverso una bancarella di raccolta firme per il ripristino dei treni nottuni.

In ogni caso: cesso trovato.
Non so voi, ma se mi chiedono di pagare un euro tutto intero per utilizzare il cesso pubblico, non dico che il suddetto cesso debba essere così pulito da poterci mangiare, ma mi aspetto che sia quantomeno un Signor Cesso.
Pago il mio obolo, entro e le mie speranze si schiantano al suolo con un rumore di vetri infranti. Il cesso è come qualsiasi altro cesso in qualsiasi altra stazione: un cesso. Porte che non si chiudono, porte a cui manca la serratura, piastrelle ex bianche che non voglio immaginare di che cosa possano essere sporche ed un guardiano UOMO che mi sorride in un angolo. Che diavolo ci fa un guardiano UOMO nel bagno delle donne?
Mi faccio coraggio (non che abbia molta scelta) ed entro in un cubicolo.

Invidio infinitamente gli uomini. Anche se dubito che possano farla in piedi, all'aperto, alla stazione centrale di Milano senza essere arrestati per atti osceni, in linea di massima almeno loro non sempre hanno bisogno di un cesso e non si fanno certo venire due cosce come quelle di Pantani a forza di stare in bilico per sedersi senza veramente sedersi.
Forse, ora che ci penso, le ragazze che hanno le cosce muscolose sono quelle che viaggiano molto per lavoro. O almeno potrebbe essere un'ottima scusa:
- Hey, hai messo su qualche chilo?
- No, è che viaggio molto per lavoro...
Torniamo al cesso.
Nel cubicolo mi accuccio in posizione pipì e sto quasi per finire quello che devo fare quando... parte uno sciacquone fotonico che mi lava completamente, inzuppandomi le gambe, gli stivali e la mini!
Sento l'acqua "GOCCIOLARE" dal bordo della mini!
"Merda, merda, merda". Me ne sto così bloccata per qualche secondo, sperando di svegliarmi all'improvviso tutta agitata nel mio letto, ma non è un maledetto sogno. E' tutto vero: sono in una stazione, in un cesso pubblico, e gli unici vestiti che ho sono inzuppati di sciacquone fetido (calzini compresi).
Voi credete che, battagliera come sono, sia andata a protestare dal guardiano UOMO che mi aveva sorriso vedendomi entrare nel gabinetto? No, sarebbe stato ancora più umiliante. Probabilmente ci avrebbe riso per settimane, la sera, tracannando birra la bar con i suoi amici UOMINI guardiani di cessi.
Me ne sono uscita dal bagno, mi sono legata in vita la giacca (che a questo punto si è bagnata), ho raccolto le ultime briciole di dignità rimaste, ed ora sono qui, sul treno, col culo zuppo, a pregare di non iniziare a puzzare di cesso pubblico (sarà suggestione, ma io sento già provenire dai vestiti un tanto insopportabile) e che il treno imbocchi uno sportello spazio temporale così che queste due ore di viaggio passino più veloci della luce.
La prossima volta me la farò addosso. Almeno, se dovrò avere la mini e gli stivali inzuppati di qualcosa, sarò certa della provenienza.

La Redazione

PS: secondo voi è possibile morire di schifo?!?

18 commenti:

  1. Per gli uomini la vita è più semplice, ma lo sciaquone automatico è il male per chiunque, soprattutto se decide a suo insindacabile arbitrio qual è il momento opportuno per far scattare l'automatismo.

    Comunque, non si può morire di schifo, mentre lentamente si muore di disservizi. Quello sì, lentamente e tristemente.

    RispondiElimina
  2. Si, è decisamente IL MALE lo sciacquone automatico. E grazie per avermi rassicurata sullo schifo: stavo veramente preoccupandomi.

    RispondiElimina
  3. Una volta è capitato pure a me e ho pure fatto una doppia figura de mierda perchè ho piantato pure un gridolino: quegli sciacquoni a fotocellula che appena ti abbassi partono, mi fanno paura!

    [ehm...Redaz...non so come dirtelo, ma...hai sbagliato il link del mio blog...LOL :D)

    RispondiElimina
  4. Accidenti. Sciacquone automatico e luce automatica, ti e' mai capitato? Che alcuni bagni sono tarati sui 20" netti. Io dopo venti secondi sto ancora tappezzando la tazza di carta igienica. Che schifo, non posso crederci. E comunque lo scandalo vero e' aver pagato un euro per un bagno in quello stato. Hai assolutamente ragionel

    RispondiElimina
  5. Brrrrr schifo!! (mi ha fatto venire i brividi leggere il tuo post)!

    RispondiElimina
  6. povera redaz! questo veramente era un brutto tiro, non credo che io sarei sopravvissuta con la stessa "calma"...!!

    RispondiElimina
  7. Scusami, mi rendo conto del dramma insito nel tuo racconto, ma... non ho potuto fare a meno di ridere!

    RispondiElimina
  8. tu mi perdoni per essere scoppiata ridere nel bel mezzo del racconto???

    RispondiElimina
  9. @Alice: link sistemato! Scusami, mi deve essere rimasto altro negli appunti e quando ho fatto "control v"... Pasticcio!
    Hai lanciato un gridolino con uno sciacquone? Oddio, scusa, ma mi sento molto meno sfigata :D

    @eroLucy: si, mi è capitata anche la luce automatica, che se ci metti un attimo di più ti lascia al buio! Che incubo! Ma fare bagni per persone normali no?

    @Selena: grazie per la solidarietà :-)
    Spero non ti accada mai!

    @Dani: solo perchè sono diversamente fortunata?
    Guarda che sono cose che possono capitare a CHIUNQUE! :D

    @Kali: volevo fortemente togliermi quella roba bagnata e mettere il tubino che avevo appena comprato, ma mi sarebbe dispiaciuto troppo sporcarlo...

    @Deindre: eheheh! Oggi ci riesco anch'io a ridere di tutto questo, dopo che i vestiti si sono fatti un super lavaggio di un'ora in lavatrice con tanto di candeggina!

    RispondiElimina
  10. @Bei:ma certo! Era quello che volevo, che qualcuno mi aiutasse a riderci sopra :-)

    RispondiElimina
  11. Non so sia peggio pagare un euro per andare al bagno - ahimè la prima volta a Milano da sola è capitato anche a me! - o rimanere vittima dello sciacquone automatico! In effetti sono proprio il male!!

    RispondiElimina
  12. oddio che orrore! non sono mai stata nei bagni di milano, ma anche a firenze ho dovuto pagare un euro e i cessi puzzavano ed era tutto super sporco!

    RispondiElimina
  13. @Iaiakasa: sì anche per me non si dovrebbe pagare un euro per usare un bagno pubblico... Anche perchè se non lo usassi che alternative avresti? Gli atti osceni in luogo pubblico?

    @Violet: anche questi puzzavano... :-(

    RispondiElimina
  14. Peggio di così solo ad Amsterdam, dove TUTTI i bagni pubblici sono a pagamento e ti assicuro che l'igiene non è il massimo neanche lì...pensa che anche nei loro McDonalds è a pagamento!

    RispondiElimina
  15. Si, ho presente i bagni pubblici di Amsterdam... Meglio non andarci di mattina presto, quando devono ancora pulirli e sono reduci dalla nottata! Che pessime esperienze...

    RispondiElimina
  16. Oddio scusa non riesco a non ridere.
    Mi rendo conto dello schifo sommo e ti sono vicina.
    Ho fatto pipì in un bagno il cui sciacquone non funzionava.
    Era possibile ricostruire la vita urinaria dei 125 precedenti fruitori...

    RispondiElimina
  17. nooo che roba orribile! e meno male che sei andata in bagno prima di tornare a casa e non prima di andare al meeting!

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...