sabato 17 novembre 2012

Quello stupido apartheid tra uomini e donne



Assioma del maschio medio: gli uomini rifuggono le "cose da donne", ovvero lo shopping, il caffè dagli amici, la parrucchiera, il giretto in centro, i locali raffinati, i menù vegetariani, le pulizie di casa, lo stiro (come se a noi invece piacesse da impazzire: datemi un ferro da stiro e ne sarò così felice da stamparvelo sulla mandibola), la spesa, i film romantici, i film di vampiri, ecc, ecc.
La maggior parte delle donne donne invece odia "le cose da uomini".
- Domani sera vengono a cena Effe e Gi.
- Ok, che bello! E' una vita che non li vedo! Prendiamo la pizza o cuciniamo qualcosa? Ci sono abbastanza birre o dobbiamo passare a prenderle? E Effe sta ancora con...?
- Ehm, sarebbe una serata tra uomini...
- Sabato vorrei andare alla Fiera Strafica.
- Che figata!!!
- Ma penso che saremo solo uomini...
- E con ciò? Posso venire anch'io?
- Se insisti... Ma le altre ragazze non vengono.
Siamo all'alba del terzo millennio, eppure siamo ancora divisi in una società di uomini cacciatori e di donne raccoglitrici.
Ci sono ancora attività che sono precluse alle donne e attività che sono precluse agli uomini. Ma mentre gli uomini le cosiddette "cose da donne" le schifano come se fossero dei terroristi della virilità, pronte a lanciare bombe corrosive allo Chanel sugli attributi, ci sono anche donne che vorrebbero poter scegliere.

Perchè è questo, in fin dei conti, che ci da fastidio, il fatto di essere escluse.
Partite di calcio, fiumi di birra, film violenti: chi ha detto che fanno schifo a tutte le donne? E chi ha detto che tutte le donne pretendono che non si rutti, che non si dicano le parolacce e che si mettano le pattine?
Nel 99% dei casi, quello che fanno gli uomini tra loro, quando non vogliono nessuna tra i piedi, non richiede una prestanza fisica particolare o una resistenza alla fatica fuori dal comune (caratteristiche che tra l'altro hanno anche molte donne). Tante attività che gli uomini decidono di fare da soli e che a noi sono escluse sono fichissime: fiere, rafting, degustazioni di birra, buoni di Groupon per pizza illimitata.

Solo che, se proviamo a chiedere di partecipare ad uno di questi eventi, siamo le Fidanzate Stracciapalle, per praticità FS.
Beh, ho un avviso per gli uomini all'ascolto: esistono anche le donne NON Stracciapalle!

Ora, quello che penso io è che pure io ho voglia di fare shopping con la Princess e solo ed esclusivamente con la Princess, senza che un uomo mi strattoni per il golfino chiedendomi sfinito "quando andiamo a casa a guardare la serie tv?". Solo che se FF volesse (leggi: non schifasse), di tanto in tanto accompagnarmi a fare shopping ne sarei altrettanto felice.
Nessuno si vuole impicciare in cose che non lo riguardano, ma perchè, ad esempio, non proporre un rafting tutti insieme, fregandosene delle differenze di genere, una volta tanto? Perchè, in mezzo a mille e mille "cose da uomini" non ci si guarda un film violento con birra che scorre a fiumi, ragazze e ragazzi insieme?

Quello che non capisco è come proprio anche alcune ragazze la pensani così. Ci sono sere in cui andiamo a farci una pizza e scatta l'apartheid: donne da una parte del tavolo e uomini dall'altra.
In linea di principio, visto che con FF ci sono andata a vivere, non è che mi faccia schifo parlare anche con lui e non ne sono nemmeno talmente ossessionata che ho una voglia di parlare con altre donne che mi ammazzo. Nella mia ingenuità penso che dovrebbe essere così per la maggior parte delle coppie giovani che decidono di andare a convivere e che non hanno alle spalle una routine di cinquant'anni.
Solo che non pare che sia così per tutti. E se lo fai notare torni ad essere una Stracciapalle.

Sono contro l'apartheid, perchè secondo me è un'usanza dell'età della pietra, un inutile retaggio evolutivo come i peli sugli alluci.
Sono contro le cose da uomini e le cose da donne. Sono contro il fatto che gli uomini facciano sempre da soli certe cose e le donne sempre da sole certe altre. Abitudine stupida.
Sono contro la divisione dei posti a sedere in auto in base al sesso e sono contro ogni stupidità che divide uomini e donne.
In definitiva, mi piacerebbe a tavola sedermi un po' dove [@##° mi pare e, se qualcuno fa qualcosa di divertente per cui non serve avere un pistolino, potermici aggregare senza essere una Stracciapalle.
Penso che le persone sarebbero un po' meno stressate se iniziassero a ragionare in base a quello che va loro di fare e non in base alla patata e al pistolino.

Basta alle politiche di genere, non ce ne dovrebbe nemmeno essere bisogno. E non ce ne sarebbe bisogno, se nel nostro piccolo non fossimo così stupidi da farci problemi sul parlare o farci una birra con un uomo piuttosto che con una donna.
Personalmente, io la birra me la faccio con le belle persone con cui sto bene.

La Redazione

15 commenti:

  1. Condivido in pieno! Non ha senso fare distinguo di varia natura sulle cose-da-maschi e le cose-da-femmine, distinzioni del genere creano dogmi e i dogmi sono segno di scarsa apertura mentale.

    RispondiElimina
  2. io sono contrario all'apartheid.
    ma fatico ad avvicinarmi a qualche donna, tutte prese a pettinarsi la loro louis vuitton ;-)

    RispondiElimina
  3. Confermo, la mia Wiz è sempre stata parte delle mie serate "da uomini", tanto che quando non veniva gli amici mi insultavano. Per contro però io in una serata "da donne" mi annoierei a morte. Credo.

    RispondiElimina
  4. @MaryBlue: esatto! E i dogmi diventano macigni, e proprio grazie a questi macigni esistono i pregiudizi nei confronti delle donne e delle disparità che in molti considerano "normali" se non addirittura "naturali". Sembra impossibile, ma ogni grande problema nasce da piccole cose.

    @Charlie: puahahah!!

    @Insight: la tua Wiz era una donna proprio fortunata. Ma le altre donne dei tuoi amici non erano gelose del fatto che Wiz stesse con voi e loro no? Perchè succederebbe questo con alcune ragazze che conosco. Se una prova ad "intrufolarsi" in una serata tra uomini o è una zoccola o comunque è una che va evitata...
    Che stupide che siamo, noi donne.

    RispondiElimina
  5. e se invece dividessimo le categorie in : deficienti e non? ho taaanti anni e ben 26 di matrimonio e penso che lo stare assieme senza dividersi in cose da uomini/donne abbia a che vedere con la maturità delle persone. non è concepibile che una ragazza stia tutta una sera a parlare di vetrine e così pure un ragozzo della partita, quando si è in compagnia ci si arricchisce di qualsiasi argomento venga proposto, anche del fuori gioco, o del col. burgundy. siamo noi che scegliamo con chi stare penso anche nel personale che tu sei una ragazza in gambissima e di conseguenza tu ti sia scelta un FF in tutti i sensi. il resto lascia il tempo che trova. roberta

    RispondiElimina
  6. Sono d'accordo su tutto!!! Che poi mio marito a fare shopping con me ci viene sempre e sai che c'è....che ci divertiamo tutti e due!!! Baci

    RispondiElimina
  7. in linea di principio sono contraria anche io alle divisioni tanto evidenti, di cui parli. Siamo davvero molto diverse dagli uomini, quando siamo in coppia riusciamo a mescolare la diversità, quando siamo in gruppo prelave l'appartenenza di genere. E dobbiamo preservarle. Io non sono affatto per la parità: noi siamo donne, loro uomini, e mi tengo stretta le mie prerogative :)

    RispondiElimina
  8. @Roberta: si, sono d'accordissimo sul dividere il mondo in deficienti e non! Mi sembra una suddivisione molto più sensata rispetto a quella tra uomini e donne.
    Per quanto mi riguarda so di aver scelto un FF con cui mi diverto sia nel rafting che nello shopping. Solo che quando ci troviamo in compagnia e si ragiona in questo modo, non posso fare la stracciapalle perchè rischio di passare per quella che deve fare l'emancipata per forza. Che pessime situazioni.

    @Mammola: si è bellissimo fare shopping in compagnia! A me piace vedere vestiti da uomo e lui mi consiglia su quelli da donna. E' bello avere anche un punto di vista maschile!

    @Giorgia: nemmeno io sono per la parità in tutto. Siamo diversi, è verissimo. Io sono però per la libertà di scelta e per il coraggio di andare oltre le divisioni di genere per guardare quelle di intelligenza. Io sono contro i limiti quando non esistono e ce li inventiamo di sana pianta.

    RispondiElimina
  9. io, in quanto donna, e in quanto bevitrice di origine veneta e discendente di alpini, reggo molto più di molti uomini. Provato. U_U

    per lo shopping sono loro gli stracciapalle.. a meno che riguardi il loro armadio.. allora lì devi prodigarti in consigli e analisi che manco la il medico che esegue le autopsie...... -.-

    per il resto alla fine non posso lamentarmi del mio despota.. (nomignolo dato non a caso, ironico).. e odio le discriminazioni a prescindere, come mi piace anche ritagliare i miei spazi! vivere in simbiosi non fa neanche troppo bene..

    RispondiElimina
  10. ok, ho esagerato, "serate da uomini" non ne ho in archivio da secoli, eravamo in 3, 2 sposati ed un divorziato. Le mogli ovviamente presenti ed attive.
    Molto attive.
    Soprattutto nello scuotere la testa ascoltandoci.

    RispondiElimina
  11. @As: vivere in simbiosi proprio no... Certo che è necessario ritagliare i propri spazi, ci mancherebbe! Solo che non mi piace quando, per partito preso, gli uomini fanno gli emancipati e non vogliono le donne tra i piedi e le donne, viceversa, fanno tutte le smorfiosette e proprio non ce la farebbero ad avere un uomo tra i piedi quando si sta in compagnia. Hai presente quelle frasi del tipo "eh, dai, ma tanto ci vediamo tutti i giorni: che palle!". Ecco, queste sono le frasi che non sopporto.

    @Insight: come le capisco :-)
    Ma quanto sono belle le serate così???

    RispondiElimina
  12. Finalmente una ragazza che parla sinceramente.. Grande!!! Basta questi sessismi senza senso e soprattutto basta dividersi per rispettare degl stupidi luoghi comuni :))))
    Ti seguo subito!! Spero ricambierai :D

    Cecia

    http://morfeoarms.blogspot.it/

    RispondiElimina
  13. sì sì ho presente anche troppo..
    sai cosa... ho avuto esempi da donne così puntate alla divisione delle specie (che loro definiscono femminismo).. per il semplice fatto che erano talmente ai ferri corti con il proprio compagno da non sopportarne più neanche la vicinanza.. infatti passavano poi il tempo a parlare male di lui.....
    patetico..
    (ero aster anche prima ^^)

    RispondiElimina
  14. Sono d'accordo che questa cosa di uomini e donne divisi é proprio stupida. Però nel mio caso non esiste così tant quando si esce tra amici ma esiste sempre durante i pranzi di famiglia. Sistematicamente dopo cena sono le donne che si aiutano a vicenda per sistemare tutto, mentre gli uomini stanno a tavola a ridere e scherzare. Questa cosa mi fa andare in bestia!

    RispondiElimina
  15. Perché scrivi sempre cose troppo intelligenti?! ;-) Nella nostra compagnia di amici per fortuna ci si siede a coppie, anzi nessuno ha mai proposto il contrario, ma so di amici che si siedono tassativamente con le divisioni di genere... una roba da preistoria! Ti dico solo che ieri, dopo aver detto ad un'amica che il maritino era via tutto il giorno per un concerto, mi ha risposto: "Che bello, riposi le orecchie una domenica!" -.-' Ma bisogna per forza mal sopportarsi?! Bah!

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...