venerdì 23 agosto 2013

"Nessun posto è bello come casa mia"


Cara Dorothy,
per quanto io ti stimi per le tue scarpette rosse sbrilluccicose tacco dieci (?) portate già nel 1939, quando la gonna sopra al ginocchio bastava a garantire un esorcismo sanitario obbligatorio, hai toppato.
"There's no place like home", addirittura frase scelta da 1500 addetti ai lavori dell'American Film Institute come la numero 23 tra le 100 migliori citazioni cinematografiche di tutti i tempi tratte da film di produzione USA. Eppure... Sei proprio sicura che non esista posto migliore di casa tua?
Parliamone.

Forse per te nessun posto sarà come casa tua perchè dalla mattina alla sera non hai altro da fare se non bighellonare e far danni con quel Totò, avendo una zia schiavizzata che pensa letteralmente a tutto. Che poi, la zia, se voleva dare via Totò la capisco: una intera fattoria da mandare avanti e un cane che non può trattenersi dall'importunare le galline della vicina strega.
Di sicuro, cara Dorothy, non tieni famiglia come noi ragazze normali e non devi ogni giorno lottare con calzini attaccati ai lampadari, docce che sembrano inondazioni, e soprattutto non ti capita di sederti sul water in piena notte, mezza addormentata, per cadere con il didietro in ammollo perchè qualcuno ha lasciato la tavoletta alzata. No, a te queste cose non capitano.

Cara Dorothy, sono appena tornata da due settimane di vacanza nelle quali qualcuno abbasava la tavoletta del water per me, non ho lavato o pulito nulla, la mia più grande preoccupazione era "che cosa metto stamattina?". Un po' come la tua vita, insomma. E scusa, ma mi piaceva da impazzire.
Ora ho valigie di roba sporca da lavare, una casa che rischia di riempirsi di formiche che ho importato forse illegalmente dalla Spagna, l'auto coperta da un sottile (ma non troppo) strato di fango che pare un Magnum al cioccolato fondente. E sono stanca, dal momento che i milleduecento kilometri di ieri non sono passati inosservati alle mie cervicali (mica ho quelle scarpette che basta sbattere i tacchi, io).
Eppure non ho una zia che sbrigherà queste faccende al posto mio e mi sto quindi attrezzando.
Mentre mi attrezzo, ti segnalo che ci sono ben quattro genitori che chiamano (di cui due a centocinquanta kilometri da qui, ma forse dopo quelli di ieri dovrei in ogni caso essere fresca come una rosa: non sono stata in fin dei conti sempre seduta dentro un'utilitaria lanciata al massimo a centodieci all'ora e quaranta gradi all'esterno?) che hanno già iniziato a chiedere quando cavolo penso di andare a trovarli, ora che sono tornata. E come no.

Dovrei essere proprio così contenta di essere a casa?

Senza contare il fatto che anche il contesto nel quale è inserita la suddetta casa merita una riflessione.
Non conosco personalmente il Kansas, ma posso assicurarti che ci sono un sacco di posti migliori di quello in cui vivo io. Non per vantarmi, ma geograficamente parlando sto messa bene: mare a mezz'ora di strada, montagna a un'oretta, clima mediterraneo e quant'altro. E' economicamente parlando che questo contesto fa acqua da tutte le parti.
Difficoltà lavorative per la maggior parte dei miei amici, gente stressata che ucciderebbe per un parcheggio in Piazza Insurrezione il venerdì sera solo per farsi vedere, a costo di rimanere a pane e acqua per il resto della settimana, e via così. Insomma, non ce la passiamo proprio benissimo.
Mi chiedo se anche nel Kansas ci siano questi problemi e tu semplicemente non li veda dal momento che non mi risulta ti sia mai dovuta mantenere, o se invece gli Stati Uniti degli anni trenta fossero veramente un così bell'ambiente.

Detto ciò, cara Dorothy, io amo casa mia, non mi fraintendere. Solo che stavo bene anche in vacanza, ecco, e forse non ero proprio pronta a tornare.
Lo sarei mai stata? Mah...

La Redazione

11 commenti:

  1. Una famiglia, una casa, dei genitori, una macchina...un water!
    Sei proprio sicura che questi siano problemi?!?

    RispondiElimina
  2. Il rientro è sempre brutto. In vacanza non ho mai dovuto lavare i piatti, stirare e pulire i pavimenti. Adesso conterò i giorni in attesa del prossimo viaggio... Comunque vivere a mezz'ora dal mare è già una gran bella cosa!

    RispondiElimina
  3. @Dani: in determinate condizioni... si!

    @Ciccola: idem, pure io conterò i giorni prima della prossima fuga...

    RispondiElimina
  4. Come ti capisco...io sono rientrata a casa mia lunedì scorso dopo una decina di giorni di "ferie" con l'Uomo, ferie in cui ho comunque dovuto cucinare/pulire un minimo (appartamento in affitto) ma quanto si stava bene...
    Mi son bastati 20 minuti tra madre urlante perché lei di ferie non ne ha fatte e io sono andata a divertirmi, sorella urlante perché non trova dei vestiti e giustamente pensa che me li sia fregati io, nipote di 2 mesi frignante per le coliche, altra sorella (mamma del suddetto nipote) incazzata per il frignante, gatto vomitante, gatta schizzata che si infila dentro le valige, coniglio in blocco intestinale da imboccare a forza, porcellini d'india che reclamavano a gran voce la colazione....20 minuti e già mi chiedevo "ma chi c***o me l'ha fatto fare di tornare?!?!?!?"

    RispondiElimina
  5. Ci vorrebbe una vacanza solo per riprendersi dallo stress del rientro dalle vacanze...

    RispondiElimina
  6. Sei mitica! :-) Io sono tornata lunedì dopo 9 giorni di mare e vita da hotel (quindi senza dover pulire né cucinare)... una pacchia assoluta!! Al rientro pupo con broncopolmonite e casa perennemente in stato di devasto totale... si salvi chi può!!! O_o

    RispondiElimina
  7. @Franza: anch'io me lo chiedo continuamente!!! Ma mi chiedo anche perchè, dal momento che in vacanza si stava così bene senza impazzire, a casa invece mi ostino a volere che tutto sia perfetto, a cucinare cibo degno di questo nome e a pulire come una maniaca compulsiva. Le ferie non ci ricordano ogni anno che si vive bene lo stesso?

    @Fenicecherisorge: più che stress la mia è nostalgia. E la nostalgia fa vedere tutto più... stressante!

    RispondiElimina
  8. @Imperfect: minutino ha la broncopolmonite???? Piccolo, no, mi dispiace tantissimo! Mi fa preoccupare quel piccino... Aggiornami su come sta, mi raccomando... L'abbiamo aspettato tutti quanti tanto, quel piccolino :-)

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Negli ultimi mesi ha avuto una roba tipo 5 bronchiti e 2 broncopolmoniti... probabilmente è allergico a qualcosa e questo è il suo punto debole... ti lascio immaginare lo stato d'ansia in cui vivo ormai perennemente, appena gli viene un raffreddore :-(... però è un bel bimbo sempre vivace, in questi giorni se riesco ti mando un paio di fotine via mail!!!

    RispondiElimina
  11. Sisisisi!!! Fotine via email! Grazie :-)
    Povero piccolo, non se la passerà molto bene... Spero che tu riesca a capire velocemente che cosa evitare, sia per lui che per la tua più che comprensibile ansia!

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...