mercoledì 25 marzo 2015

La pancia è mia (e me la gestisco io!)

Iniziamo l'ottavo mese, quindi vi lascio immaginare che bella panzettona che ho.
Una panciona proprio bella e non lo dico solo perchè è la mia (o forse sì?): una panciona che si muove, si stiracchia, balla ascoltando Virgin Radio e mostra già segni di un bel caratterino.
E io sono al settimo cielo.
Inspiegabilmente, tra l'altro, perchè una delle mie frasi celebri di "prima" era "quando sarò incinta dovrò entrare in terapia", ma questa è un'altra storia.

Come fa effetto a me, questa bella pancia, fa effetto anche a tanta altra gente.
Gente conosciuta, ma anche perfetti sconosciuti, gente incrociata al supermercato, anziani in coda dal medico, dipendenti pubblici, commesse e commessi.
La pancia "tira".
Peccato che sia la "mia" pancia.

Uno degli effetti che fa la pancia è una voglia irrefrenabile di toccarla.
Una voglia che abbatte le barriere sociali e della privacy e che fa fare alla gente cose che in altre situazioni non si sognerebbe nemmeno. Tipo starsene minuti interi ad accarezzare la pancia di una perfetta sconosciuta allibita.

La prima volta mi è successo al caf al quale mi sono rivolta per il disbrigo delle pratiche legate alla maternità.
La funzionaria è uscita dalla stanza per un caffè, mi ha vista seduta in sala d'attesa, ha esordito con un "ma che bella pancia" e ha cominciato ad accarezzarmela sfacciatamente, attratta come ape dal miele.
Dopo un po' mi ha chiesto "posso toccarti la pancia?". Beh, me la stava già toccando da cinque minuti buoni.
Poi è stata la volta dell'anziana dal medico, che seduta accanto a me in sala d'attesa mi ha chiesto a che mese fossi, io ho risposto "alla fine del settimo", lei ha replicato "beh, sei già grossa di tuo, è naturale che la pancia si veda poco" (vecchia, vuoi morire prima dl tempo?!?) e ha iniziato a toccarmela come se fossi sua figlia e non una perfetta sconosciuta che aveva per giunta appena fatto incazzare.
Dopo un secondo mi sono alzata stizzita dicendole "scusi ma cambio posto, non vorrei che mi attaccasse qualcosa visto che adesso non posso prendere molti antibiotici". E sono andata a sedermi dalla parte opposta della stanza, lasciandola offesa (ma mai quanto me).

Ora, io sono una persona moolto riservata e credetemi mi sto sfracellando il cervello a cercare di capire perchè diavolo le persone non si tocchino mai, considerandola una invasione della privacy se non una molestia, ma si sentano perfettamente autorizzate a toccare la pancia di una donna incinta.
Perchè? Qualcuno me lo spiega: perchè mai?!?
Insomma, la pancia, fino a prova contraria, continua ad essere mia, una mia parte del corpo. Gradirei, prima di trovarmi una mano sull'ombelico stirato, che almeno mi venisse chiesto "posso toccare?" e mi venisse data la possibilità di rispondere "certo che no!".
Invece no: mani sbucano ovunque e toccano come se si trattasse della pancia del Buddha o delle palle del toro in galleria Vittorio Emanuele II o ancora si aspettassero che strofinando ne uscisse un genio come dalla lampada di Aladino, come se si trattasse di un ex voto e non di una invasione bella e buona della distanza interpersonale. Tipo: sto scegliendo l'insalata e sbuca una mano sulla pancia, una tizia mi fa passare avanti alla cassa del super e nel farmi passare mi accarezza la pancia (ma che è? E' una specie di pedaggio?).
E che cavoli, un po' di rispetto!

Così come non ci sono limiti alle risposte che mi vengono sulla punta della lingua, che scalpita per dare agli intrusi ciò che si meritano:
- hai provato a pestare una merda? Dicono funzioni anche quello.
- pensi davvero che bussando ti risponda qualcuno?
- guarda che non è un ananas, non occorre tastare per capire se è maturo.
- non sei carino a pulirti le mani sulla mia maglietta.
Ma invece, siccome ho deciso di essere una persona più civile, ai primi sguardi bramosi incrocio le braccia sulla pancia chiudendo bene la giacca e ricambio con occhiatacce. Nel caso non funzionasse inizio a borbottare: sarà sempre meglio passare per psicopatica imprevedibile che essere avvinghiata da tentacoli di sconosciuti.

La Redazione

7 commenti:

  1. Accidenti non so se ho postato il commento o no...
    ti dicevo: io lascerei perdere l'educazione. Non esiste che degli estranei mi tocchino la pancia senza chiedere. Pensa che a una mia amica è stato toccato addirittura il seno perchè tale commessa era basita da quanto le era cresciuto

    RispondiElimina
  2. Alleluja finalmente qualcuna a cui non piace farsi toccare la pancia!
    Io rimango allibita quando vedo la gente fiondarsi su una pancia a sfregarla neanche fosse la sfera di cristallo...
    Ma le uniche volte che ho "osato" dirlo all'Uomo e agli amici mi han guardato come se fossi un'eretica sentenziando che "toccare la pancia porta fortuna al bambino e poi è una cosa bella...dovresti esserne contenta!"
    No.
    La pancia sarà mia, quello che c'è dentro sarà frutto mio e dell'Uomo ed è affar nostro, non vostro.
    Con le cognate, le amiche e mia sorella ho toccato la pancia solo se erano loro a chiedermi se volevo...o per lo meno prima chiedevo se poteva dar fastidio, non mi azzardo minimamente a piazzar la mano senza avere il permesso della mamma...
    La trovo una mancanza di rispetto allucinante, grazie al cielo non son l'unica...

    RispondiElimina
  3. @Peggy Liu: chiunque provasse a toccarmi il seno si troverebbe con una cinquina in faccia, come minimo. Questo non è interesse, queste sono molestie belle e buone!

    @Franza: se sono le amiche, la mamma, gli amici a toccarmi la pancia ben venga, ma perché dovrebbe farlo uno sconosciuto? Io pure chiedo sempre se posso toccare la pancia e lo chiedo in ogni caso solo alle persone più strette, a tutte le altre mi limito a fare le congratulazioni e stop.
    Forse perché l'Uomo si rendesse conto del disagio qualcuno dovrebbe toccargli le chiappe esclamando "che sode! Scusa ma non ho proprio resistito" :D

    RispondiElimina
  4. Ho una selva di amiche incinta o che hanno partorito... ma mai mi sono permessa di toccar loro la pancia... lo trovo qualcosa di molto intimo... non mi va! Poi ogni tanto è capitato, soprattutto con una con cui ero più stretta, perchè mi incuriosiva Emma che da lì dentro dava i calci o si muoveva... però per il resto... no no! Come non mi azzardo mai a baciare i neonati o a toccargli le mani, visto che poi le metteranno in bocca!!!

    RispondiElimina
  5. Io pure.
    Se me lo chiedono o mi offrono di toccare la pancia ok, ma farlo io no, non lo faccio.
    Per i neonati idem: solletico sui piedini o sul pancino, ma mai tocco viso e mani! E tantomeno li prendo in braccio se non mi vengono offerti.
    Penso che siano cose personali, ognuno è libero di pensarla come vuole, e si tratta di convinzioni talmente private che mi pare giusto avvicinarmi in punta di piedi,
    Ma evidentemente non per tutti è così...

    RispondiElimina
  6. credo che dire ad una donna all'ottavo mese che non è magra sia quasi perseguibile dalla legge!
    Non esistono più le buone maniere, le persone sono cafone e poco gentili, ognuno pensa per sè, senza tenere conto delle esigenze degli altri.
    tu fai bene a reagire..ma che scherziamo!

    RispondiElimina
  7. Dovrebbe decisamente essere perseguibile per legge!
    Grazie Marzia ;-)

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...