mercoledì 30 settembre 2015

Il "mio" bagnetto

Poco fa un tizio mi ha vista uscire dal super con in una mano ovetto più Superboy addormentato (tra bambino e seggiolino superiamo gli 11 kg) e nell'altra borsetta più borsa della spesa. Non chiedetemi come ma stavo pure cercando le chiavi dell'auto nella tasca.
Il tizio mi si avvicina e chiede "vendono anche bambini al supermercato?". Come se avessi avuto la faccia di una che aveva voglia di fare dello spirito.
Le mie giornate sono meravigliose, per ora mi concedo il lusso di fare la mamma e non cambierei questo lavoro con nessun altro al mondo. Il mio stipendio sono i baci di Superboy e non mi sono mai sentita tanto ricca in vita mia!

Ma questo non vuol dire che sia tutta una passeggiata in discesa, ecco.
Ad esempio quando mi faccio la doccia devo portare Superboy con la sdraietta davanti al box doccia e mentre mi lavo alla velocità della luce devo fare facce buffe, cantare canzoncine e programmare dell'animazione. Se c'è una cosa di cui ogni tanto sento la necessità è una doccia bollente che duri più di tre minuti compresi spogliarello e vestizione.
Così l'altra sera ho chiesto a FF di farmi un regalone: badare a Superboy per il tempo non di una doccia, ma di un vero bagno. Un Bagno con la bi maiuscola. Il bagno di una donna e non quello di una mamma.

Tutto era perfetto: seratina, bagno caldo (dopo ovviamente aver tolto da sopra la vasca il fasciatoio), candele accese, bagnoschiuma superprofumoso, asciugamano caldo che mi aspettava sul bordo della vasca...
Mi sono immersa e ho letteralmente sentito rinascere ogni singola cellula del mio stanco corpo.

Mentre ero in relax ho notato sul bordo della vasca il docciaschiuma di Superboy.
Ho distrattamente aperto il flacone e ho assaporato il dolce profumo di cucciolo che sento addosso a Superboy dopo il bagnetto. Ho quindi messo da parte il mio bagnoschiuma pucciosissimo e ho iniziato a usare il suo: che meraviglia avere addosso il suo profumo!
Poi mi sono accorta di aver lasciato sul bordo della vasca anche la stella marina Marina e il granchio Sebastian, gli animaletti che animano il bagno di Supeboy. Non ho potuto non prenderli, cacciarli in acqua e iniziare a giocare con loro.

Marina e Sebastian
Infine ho sentito il pianto di Superboy venire dal piano di sotto.
- Amore, va tutto bene lì giù?
- Ehm... Sì, va tutto benissssimo, goditi il tuo bagno.
Sono uscita dalla vasca e mi sono rivestita.
Ho guardato l'orologio: erano passati neanche dieci minuti. Ma quando ho riabbracciato Superboy mi sembrava di essere appena tornata da un lungo viaggio.

La Redazione

2 commenti:

  1. Che dolcezza. Ti leggo da un po' e spero di vivere presto le stesse emozioni.
    Evviva Marina e Sebastian!

    RispondiElimina
  2. Ciao! Te lo auguro proprio perché non c'è niente di piú bello al mondo.
    E se te lo dice una che sta disperatamente cercando di far dormire il proprio bimbo per piú di 2 ore di fila da 3 giorni...

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...