lunedì 12 settembre 2016

La stanchezza delle mamme

Premessa: questo post è stato scritto prima di leggere questo, che mi è stato segnalato (e che è scritto a onor del vero anche molto meglio del mio).
Questo credo significhi solo una cosa, ovvero che la stanchezza delle mamme è universale.

La stanchezza delle mamme la devi provare.
Ti dicono "riposa che quando nasce non riposi più" e tu pensi che sia un modo di dire, ma non è così. Solo che non puoi caricare le batterie e usare la carica che avevi messo da parte.
E te lo dicono pure col sorriso di chi ci è passato e sgretamente gode nel sapere che anche tu sarai in crisi, che anche tu piangerai, che anche tu a volte penserai di non farcela.

La stanchezza delle mamme non è solo in quelle notti infilate una dietro l'altra senza mai dormire veramente.
Non sono solo i risvegli notturni, che per carità sono normali e fisiologici. No, non sono quei momenti di notte che la maggior parte delle volte fanno anche piacere: nel silenzio della casa hai una cosetta calda e morbida che chiede di essere coccolata.
Anche se tutti quando vedono il tuo bambino chiedono "è buono?" e intendono dire "dorme la notte?".

La stanchezza delle mamme inizia al mattino, quando frega niente quanto e come hai dormito, il mondo inizia a chiedere.
E' quando ti alzi prima che lo faccia tuo figlio per avere il tempo di fare qualcosa per te (tipo fare la doccia) e nel telefono hai già venti messaggi di lavoro.
E' quando devi correre, correre, correre e imporre ritmi frenetici anche a tuo figlio per organizzare una giornata in maniera decente, ovvero con una casa che non sia da servizi sociali, una cena in tavola, biancheria lavata e stirata per tutti e un contegno che ti permetta di andare in ufficio, anche se il più delle volte ci arrivi sporca di moccio.

La stanchezza delle mamme è quando il mondo da per scontato che tu ci sia, che tu faccia, che tu sia.
Che tu sia il collante della famiglia: che ricordi compleanni, che compri regali per i nipotini dei vicini, che tenga i rapporti con parenti e amici che non vedi da anni. Che tu capisca gli altri che a volte purtroppo sono fatti così.
Che non ti pesi perchè, santo cielo, te l'avevano detto tutti che essere mamme sarebbe stato faticoso, quindi di che ti lamenti?

La stanchezza delle mamme non dipende solo dai figli. Anzi, direi che dipende in misura ridicola dai figli.
Dipende piuttosto dal fatto che sembrano solo figli tuoi: tu li accompagni a scuola, tu li accompagni dal pediatra, tu li nutri, tu li vesti, tu ti occupi di loro. E nel frattempo fai anche tutto il resto.
Perchè la stanchezza delle mamme è quella cosa che ti viene da piangere quando ti dicono "ma non vai più in palestra?", "non leggi più?", "ma come non hai visto quel film?", ma a nessuno passa per l'anticamera del cervello di chiederti "vuoi che stiri io quella montagna di roba?", o anche solo "dai siediti un minuto, stasera ordiniamo una pizza". E come glila spieghi una cosa del genere?
Come spieghi che lavori sei ore al giorno, ovvero solo due in meno dei comuni mortali, e in quelle due ore devi reggere il mondo?
E quando qualcuno si offre di fare qualcosa per te è sempre "tenere il bambino mentre tu fai altro". Come se fosse lui il "problema". Come se stare con lui non fosse l'unica cosa al mondo che faresti volentieri. Come se non avessi abbastanza rimorsi perchè te lo stai godendo a spizzichi e bocconi e ti cresce sotto il naso.

Ma soprattutto la stanchezza delle mamme è quella cosa che ti viene lo sconforto cosmico quando dopo esserti fatta in quattro, avere milioni di sensi di colpa che ti pesano sulle spalle come macigni, arrivano i geni della vita degli altri e pure l'idraulico più o meno velatamente insinua che saprebbe fare meglio di te.
Perchè non importa quanto ti sbatti, tuo figlio sarà sempre viziato, mammone, monello, troppo grasso, troppo magro, sotto una campana di vetro, selvaggio e tu avrai sbagliato tutto.

La Redazione


1 commento:

  1. Mamma di due bambini....io dico sempre... I figli sono come i diamanti...per sempre...però non cambierei nulla li amo e li adoro anche qua quando litighiamo. La vita non sarà mai da mulino bianco...non è possibile.. Non abbatterti,fai finché riesci...poi molla tutto e abbraccia Superboy..i piatti e i panni da stirare saranno sempre li...ma li farai con una carica diversa.

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...