martedì 31 gennaio 2017

Da lettrice a e-lettrice (o kindle dipendente)

Eh sì, alla fine ci sono cascata...
Per chi avesse seguito il sondaggio sulla mia pagina facebook (kobo o kindle?), alla fine ho deciso.
Ero fermamente decisa a comprare un kobo perchè ce l'hanno anche FF e praticamente tutti i miei amici e non ho sentito un solo giudizio negativo, così sono andata da Mediaworld armata di bancomat e... sono tornata a casa con uno splendido kindle bianco!

Come è andata?
Che li ho visti fisicamente vicini e ho comprato il kindle perchè mi piaceva di più. Tutto qui.
Li ho tenuti in mano, li ho maneggiati.
Il kobo è un lettore molto bello, non c'è che dire, e sembra pure molto funzionale (anziu se FF lo ha scelto sono convinta che sia così), ma che dire del kindle? Lo schermo sembra più bianco, è più piacevole al tatto, meno squadrato. La cosa che mi ha conquistata è che, a differenza del kobo, è disponibile anche in bianco.

Ok un lettore deve essere funzionale (e vi assicuro che anche il kindle lo è), ma secondo me deve essere anche bello. Leggere non deve solo essere comodo, deve essere anche "piacevole". Anzi, deve essere prima di tutto piacevole. E non so come spiegarlo meglio ma la sensazione del kindle è "piacevole".

Un giudizio superficiale? Può essere, ma se ci pensiamo bene acquistiamo un po' tutto perchè è "bello" e non solo perchè è comodo: mobili, auto, vestiti, scarpe, case. Quindi perchè rinunciare al gusto nella scelta del primo ereader, quello che ci darà "l'imprinting" per tutti i futuri ereader che avremo la fortuna di avere?

Lo sto utilizzando da circa una decina di giorni e per ora sono pienamente soddisfatta.

Prima di tutto posso leggere ovunque e in qualunque situazione. Tanto per dirne una leggo finchè la notte Superboy si riaddormenta: trascorriamo intense mezz'ore abbracciati in poltrona. Un libro cartaceo avrebbe bisogno di accendere la luce e peserebbe troppo in mano per poterlo reggere in quella posizione. Senza contare che non riuscirei mai a girare pagina.
Così ho ricominciato a leggere e mi sono spippata la short story "I love shopping a Venezia" (a costo zero sul kindle store), "I love shopping a Las Vegas" (sì, lo so, era una vergogna che fossi così indietro nella saga) e adesso mi sto leggendo il primo capitolo della saga "After" di Anna Todd (anche se francamente mi sta facendo un po' schifo).

In secondo luogo quando sono rapita dalla lettura posso spostarmi, tipo andare in cucina a prendere da bere, con il mio lettore in mano lasciando che il regolatore di luminosità si adatti al cambio di stanza. Certo non è sempre perfetto il sensore che regola automaticamente la luminosità del dispositivo, ma è abbastanza preciso da rendere agevoli brevi spostamenti.

Il tutto è stato completato da una cover color magenta sfiziosissima, magnetica, che chiudendosi mette in stand by il dispositivo. Ho appena insultato il corriere che me l'ha consegnata, ma questa è un'altra storia...

Che dire quindi? Ereader promosso a pieni voti! 
Dall'alto della mia esperienza di dieci giorni da utilizzatrice di kindle penso di aver capito che i lettori digitali non possono sostituire i libri cartacei. Ci sono libri che possono tranquillamente essere letti tramite ereader e altri che invece devono restare cartacei. Credo che ci sia un tempo per tutto sotto il sole: un tempo per gli ebook e un tempo per il cartaceo, non necessariamente in ordine temporale.

La Redazione

4 commenti:

  1. Che modello di kindle?
    :)
    Io ho il Voyage!

    RispondiElimina
  2. Deve essere molto bello!!!! :-)
    Io ho il paperwhite. Abbastanza basico ma per semplice per me alle prime armi.

    RispondiElimina
  3. Anche io mi sono convertita da un paio di anni al kindle!
    Non è il cartaceo ma come te penso che per il piacere di leggere e per la comodità è imbattibile di notte al buio addormentando il pupo. al sole in viaggio senza preoccuparsi del peso tanti libri a disposizione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di provarlo anche in viaggio e al sole!

      Elimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...