martedì 9 maggio 2017

Mariti bipolari ne abbiamo?

Care amiche ditemi che non sono sola in questa battaglia contro la bipolarità. Ditemi che possiamo contattare qualcuno che ci aiuti e chiedere uno sconto comitiva, vi prego.
Sto già raccogliendo adesioni per questo nuovo progetto che si chiamerà "salviamo le mogli dai mariti bipolari".

Vi spiego meglio.

FF diceva che spendevamo troppo per la spesa settimanale e difatti, adottando il mio homemade kakebo, l'importo si è ridotto di almeno il 45%.
Domenica siamo andati al super insieme e lui passava tra le corsie dicendo "compriamo questo? Compriamo quello?". Così se la settimana precedente al super ci avevo speso 40 euro, domenica insieme ne abbiamo spesi 65,

Se mi fermo davanti a una vetrina a guardare trucchi e vestiti cerca di tirarmi via dicendo che ho già l'armadio pieno di cose, ma potete scommettere la testa che alla prima occasione di uscita se ne uscirà con un "questa giacca non mi piace proprio... Perchè non te ne compri una nuova?".

Ragionamento simile per i capelli.
Ogni volta impallidisce quando gli comunico l'importo del parrucchiere (lui che è abituato al suo fidato barbiere per uomo un po' rimba che ogni volta che lo vede gli chiede se quest'anno avrà gli esami di maturità - e non è tanto per dire). Salvo poi magicamente dimenticarsi di questa cosa e uscirsene qualche settimana dopo dicendo "è tanto che non ti fai sistemare i capelli, vai".

La gestione della casa, poi, non ne parliamo.
Si passa dal "riposati" al "ma è ANCORA a lavare la mia felpa beige?" con una nonchalance degna di un attore da oscar. Da un "quando Superboy dorme devi approfittarne anche tu" a "hai fatto quella commissione? Hai chiamato... ? Ti sei informata... ? Sei andata... ? Io non ci posso andare, vacci tu CHE SEI A CASA" nel giro di dieci pazzeschi minuti.

La cena merita un capitolo a parte.
Ogni santa settimana predispongo il menù settimanale per quella successiva e immancabilmente chiedo "c'è qualcosa che ti farebbe piacere trovare per cena la prossima settimana?". Lui per la maggior parte delle volte risponde "fai tu", quindi voi che fareste al posto mio? Fareste voi, suppongo.
Peccato che ci siano sere in cui rientra e "no, non ho voglia di mangiare il minestrone. Io mi faccio un toast, ne vuoi uno anche tu?". E il minestrone (in busta, che non mi era costato poi così tanto preparare, ma lui questo non lo sa) va a farsi benedire.

Per non parlare della ciliegina sulla torta: gli sprechi.
Ogni volta che butto una sola molecola di cibo mi chiama sprecona, ma che succede quando gli propongo "amore stasera ci mangiamo una bella insalatona altrimenti l'insalata va a male"? Che risponde "no stasera mangio..." e completate pure voi la frase con quello che più vi aggrada.

Il capitolo "ordine" mi fa ammattire.
Tutta la settimana sgobbo per tenere in ordine la casa. Lui torna la sera e che fa? Vestiti a terra, pozza d'acqua fuori della doccia e buonanotte al secchio.
Poi io dico che sono stanca e risponde "ci credo che sei stanca, devi farti aiutare". Eccerto che mi devo fare aiutare: da te!
E se non è disturbato dai vestiti a terra lo disturbano invece eccome le mie cose in giro. Per esempio condividiamo la scrivania, che è completamente ingombra di cose e carte sue che mi guardo bene dal toccare. Su quella scrivania si accatasta di tutto. Però se nel caos più totale compare uno scontrino dimenticato da me apriti cielo.

Poi per carità i suoi pregi sono innumerevoli.
In ordine temporale ricordo perfettamente lui che, durante i mesi di nausee iniziali, mi regge la testa sul water alle tre di notte senza battere ciglio. Oppure cambia pannolini che voi umani non potete neanche immaginare, così come trascorre ore e ore intere a costruire giocattoli montessoriani per Superboy.

Per cui vi chiedo cortesemente di dirmi che anche i vostri mariti sono leggermente bipolari e che non sono sola.
Non chiedo tanto.

La Redazione

2 commenti:

  1. Redaz, confermo, anche mio marito è leggermente bipolare! In particolare mi ritrovo molto nel "Riposati" e "Ma non hai ancora stirato quella maglietta blu...?" :-D Però dai, fa parte della loro "mariticità" inimitabile, non trovi? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La "mariticità" mi piace un sacco! Credo tu abbia reso in pieno l'idea.
      Ma soprattutto grazie, mi sento meno sola :-)

      Elimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...