lunedì 23 ottobre 2017

Non è tempo per noi

Sì, a volte anche le wonderdonne accusano il colpo.
Non so nemmeno da che parte cominciare a scrivere questo post. Che sia colpa degli ormoni? Dell'allattamento che mi fa perdere la memoria? Eppure so perfettamente quante volte ha fatto la cacca Supergirl da quando è nata, se mi date due minuti le conto e ve le dico.

Non so nemmeno da che parte cominciare perchè le cose che riguardano i Superchildren, FF e tutto quello che non sono io le so perfettamente. Quelle che riguardano me no, le ho perse di vista.
Questo perchè la capienza della mia memoria, così come le capacità motorie del criceto che gira la ruota nella mia testa, sono limitate. Di conseguenza devo dare priorità a quello che c'è di più importante. E io non sono più importante.

Triste? No, semplicemente realista.

FF mi dice spesso che dovrei farmi aiutare dai Santi Nonni, che sono sempre disponibili, e trovare del tempo per rilassarmi. Ho come avuto l'impressione che questo non fosse fattibile, ma non riuscivo a spiegarmi il perchè, finchè ho letto un articolo sul "carico mentale" e mi si sono aperti gli occhi.

Lasciando per un attimo stare il "lavoro fisico", le mamme sono quelle che pensano a tutto.
Pensano al bucato perchè tutti abbiano ogni giorno abiti puliti da mettere, pensano al cibo (inteso non soltanto come "mettere qualcosa nel piatto", ma anche a programmare il tutto perchè in casa si mangi il più sano possibile e a orari consoni), di conseguenza alla spesa (accorgendosi ad esempio che sta per terminare il collutorio che loro nemmeno usano), all'educazione dei piccoli, all'esempio che danno i grandi, ai compleanni degli amichetti e ai regalini di compleanno da portare loro perchè siano graditi, alle attività sportive e tutto quello che ne consegue (iscrizione, abbigliamento, spostamenti logistici, relazioni decenti con gli altri genitori), allo spannolinamento (dio me ne scampi) e ai centomila pantaloncini lavati al giorno, allo svezzamento, a leggere montagne di libri e articoli per fare tutto al meglio, a frequentare incontri e conferenze per essere informate veramente e non come le dicono di essere le mamme antivacciniste su facebook, ai bilanci, ai dentini, ai mal di gola e di orecchie, ai fermenti lattici e agli sciroppi, al pranzo che il marito porterà al lavoro perchè sia sano e vario, all'auto che non sia un ricettacolo di germi ma sia sempre decentemente pulita, al cambio gomme (saranno migliori le quattro stagioni o gli pneumatici normali?), a programmare attività in cui i figli possano socializzare con gli altri, a garantire che trascorrano anche del tempo coi nonni, a invitare a cena i nonni e gli altri adulti significativi per la famiglia per trascorrere del tempo insieme (e di conseguenza a cucinare perchè a proporre di prendere una pizza trovi anche quello che si offende), a portare i bambini a vedere gli animali perchè arrivati a quattro anni non disegnino un pollo con tre zampe, a non dimenticare onomastici, compleanni e anniversari, a non litigare con le mamme "sotuttoio" perchè misteriosamente sono proprio i loro figli che il tuo sceglie come migliori amici, a verificare quante tshirt, tute, pantaloni, calzini siano da archiviare perchè piccoli e di conseguenza provvedere al rimpiazzo con taglie più grandi, dopo attente indagini di mercato, a tenere in ordine i conti della famiglia (il fasciatoio sfasciato sarà meglio sostituirlo questo mese o il prossimo?).

Sicuramente sto dimenticando mille altre cose a cui una mamma deve pensare.
Quindi anche delegare diventa un'attività a cui bisogna pensare. pianificare, organizzare, programmare.

E poi c'è anche chi ha il coraggio di uscirsene con fregnacce del tipo:
- tanto tu sei a casa;
- visto che sei a casa;
- per ora questo è il tuo lavoro.
Certo, tanto io sono a casa anche alle quattro del mattino, quando Supergirl si sveglia e vuole giocare. E sono sempre a casa anche alle sette del mattino, quando Supergirl torna a nanna e si sveglia Superboy. Qualsiasi altro "lavoro" senza nessuna pausa, nemmeno una pausa pranzo, sarebbe considerato schiavitù. Essere mamma no, è normale.
Cioè non faresti mai guidare un tir in autostrada a un autista con alle spalle ventiquattro ore di lavoro ininterrotto, ma una mamma può andare a fare la spesa dopo le stesse ore di fatica.

Ecco.
Scusate, da domani tornerò quella di sempre, ma oggi no. Oggi pure io ne ho le zumpa zumpa piene.

La Redazione

3 commenti:

  1. Non sono una mamma ma figurati che già ti capisco semplicemente in quanto donna con famiglia, perchè è vero che il "carico mentale" è tutto nostro. Organizza tutto prima nella testa, poi attualo nella pratica, 24h su 24 e 7 giorni su 7. Con i bimbi penso che tutto aumenti esponenzialmente... ma c'è poco da dire, anche nelle famiglie più illuminate, dove il marito fa la sua parte per quello che può (non so il tuo, ma il mio sta fuori da mattina a sera, di fatto non riesce a fare i miracoli in casa), resta la donna quella più a "rischio" di collassare. Non è solo questione di dividersi i compiti e di riuscire a delegare quando serve (cosa che, credo, si faccia già nelle famiglie illuminate, appunto)... è tutto il lavorio mentale per cui mentre la donna sparecchia il lunedì sera pensa a come "riciclare" gli avanzi per la cena del mercoledì e che il sabato dovrà ricordarsi di scongelare la teglia di parmigiana che giace in freezer. Nel frattempo scrive liste della spesa, programma una lavatrice, fa la borsa del lavoro per il giorno dopo, piega una decina di calzini puliti, smacchia una maglietta, ecc... devo continuare? Coraggio, Redaz, hai la mia solidarietà e soprattutto la mia piena e profonda comprensione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia! Non sono tipa da perdersi nell'auto commiserazione e di sicuro domani vedrò tutto con occhi diversi. Oggi sono stanca e va così, di lamentela.
      Ecco il riciclare gli avanzi me l'ero dimenticato, ma pure questo c'è.
      Solidarietà, sorella!

      Elimina
  2. Cavolo come ti capisco e sottoscrivo.. Io nn cucino se nn il minimo per la bimba.. Ma tutto il resto lo "dirigo", in maniera convulsa e nn ottimale, io.. E con tre bimbi la maternità dovrebbe pure essere allungata.. Ma le stesse cose vengono dette a me.. Chissà quanto torno al lavoro. Ce la faremo? Intanto teniamoci compagnia😤

    RispondiElimina

Taccodieci wants you!
Lascia un commento...